menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

81enne riconosce truffatori in videoconferenza: arrestati

Gli uomini si erano introdotti nell'abitazione della signora a Portici dicendo di essere ispettori della ditta dei rifiuti. Erano riusciti così a rubarle l'intera pensione custodita in camera da letto

A 81 anni riconosce in video conferenza i due presunti truffatori per i quali è scattata la misura degli arresti domiciliari. L'episodio si svolge a Portici e ha come protagonisti un'anziana donna e due uomini, entrambi napoletani, che fintisi dipendenti di una ditta dei rifiuti, le avrebbero sottratto una somma di denaro.

I fatti hanno inizio il 14 aprile scorso: secondo l'accusa V.R., 53 anni e N. B. di 38, si introducono nell'abitazione della signora in via Cellini dicendo di essere ispettori della ditta dei rifiuti e che lei aveva diritto ad un rimborso di 250euro. Un attimo di distrazione, la donna si recata nella camera da letto dove custodiva la pensione di 2mila euro, e i due si impossessano dell'intera somma di denaro presente in camera prima di andare via.

A questo punto l'ottuagenaria si reca in commissariato a sporgere denuncia. La descrizione dettagliata consente così agli agenti la identificazione fotografica dei due finti ispettori. E il 19 gennaio, la procura della Repubblica ha ritenuto necessario procedere alla individuazione di persona e ha delegato l'atto alla polizia.

Data l'età avanzata della donna, il riconoscimento è avvenuto per via telematica. Grazie ad un sistema che consente la comunicazione tra due luoghi distanti, ieri sera dal suo personal computer la donna è riuscita a comunicare con il terminale del commissariato riconoscendo i due presunti truffatori. La polizia ha quindi sottoposto i due agli arresti domiciliari per furto aggravato in appartamento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione di martedì 6 aprile 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento