rotate-mobile
Cronaca Mugnano di napoli

Droga, carabinieri tornano a casa sua due giorni dopo l'arresto: in manette anche moglie e figlio

Nella casa della famiglia Marrone, a Mugnano, droga e soldi

Il 17 gennaio Raffaele Marrone era stato arrestato a Mugnano dai carabinieri del Nucleo investigativo del comando provinciale di Napoli. A casa del 46enne, in manette insieme ad altre 3 persone in un blitz a largo raggio, erano stati trovati e sequestrati 4.495 euro in contanti e 100 grammi di hashish.
Dopo due giorni i militari della sezione operativa della compagnia di Marano hanno approfondito la vicenda ritornando nell’appartamento mugnanese del 46enne. A finire in manette, questa volta, è stato il figlio 23enne incensurato e la madre del ragazzo nonché moglie di Marrone, la già nota alle forze dell’ordine Dora D’aria, di 42 anni.

I carabinieri hanno infatti trovato, appartenenti al ragazzo, 800 euro in contanti e due borse con all’interno 600 dosi tra hashish e marijuana per un peso complessivo di un chilo e mezzo di droga. La donna aveva invece una busta con dentro 5 panetti di hashish: 500 i grammi. Sono stati sequestrati anche 16 proiettili calibro 38 special.

Infine, in un locale della famiglia Marrone, i militari hanno trovato e sequestrato due dispositivi conta banconote e una bilancia elettronica utile al confezionamento degli stupefacenti.

Madre e figlio sono stati condotti rispettivamente nei carceri di Pozzuoli e Poggioreale in attesa di giudizio. Dovranno rispondere di detenzione di droga a fini di spaccio.

droga-soldi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga, carabinieri tornano a casa sua due giorni dopo l'arresto: in manette anche moglie e figlio

NapoliToday è in caricamento