Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca Torre annunziata / Via Marzabotto

Spaccio di droga, in manette la famiglia di "Lady Poverelli": suo figlio giocava nel Sorrento

A casa della donna, nel Parco Poverelli che faceva anche da piazza di spaccio di riferimento, è stato ritrovato un involucro contenente circa 20 grammi di cocaina

Tre persone, una donna di 37 anni e due uomini di 40 e 23 anni, marito e figlio, sono stati arrestati dalla polizia di Torre Annunziata. Padre e figlio si sono visti notificare l'ordinanza di carcerazione a Poggioreale, dov'erano già detenuti. Accusati di spaccio di cocaina, si sarebbero fatti aiutare anche da alcuni minorenni e in particolare di un ragazzino di 10 anni, non imputabile.

A casa della donna, nel Parco Poverelli che faceva anche da piazza di spaccio di riferimento, è stato ritrovato un involucro contenente circa 20 grammi di cocaina. Lei, come marito e figlio, avevano già precedenti specifici.

L'indagine è andata avanti dall'inizio di gennaio del 2018. Ha consentito di accertare che al primo piano di una delle palazzine “dei Poverelli “, era stata allestita una piazza di spaccio cje faceva capo alla famiglia die tre.

In particolare la donna, secondo gli inquirenti, era la mente del gruppo. Il marito, al tempo ai domiciliari, partecipava attivamente, mentre il figlio – ex calciatore del Sorrento – si occupava delle consegne a Napoli ma anche nella penisola Sorrentina.

Peraltro proprio la casa die tre è stata oggetto, il 15 dicembre dell'anno scorso, di una stesa che aveva portato al ferimento accidentalmente di un uomo.

Le cessioni di droga venivano compiute prevalentemente dai pusher, ed erano tutelate da vedette che monitoravano con perlustrazioni l'intera area. È inoltre stato possibile sequestrare la cocaina venduta e segnalare ai Prefetti di Napoli e Salerno tutti gli acquirenti, in alcuni casi anche recidivi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaccio di droga, in manette la famiglia di "Lady Poverelli": suo figlio giocava nel Sorrento

NapoliToday è in caricamento