Architetti: “Le emergenze territoriali infliggono colpi mortali al territorio della Regione Campania”

Confronto tra l’Ordine degli architetti di Napoli e l’assessore regionale ai LL.PP.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di NapoliToday

"E'necessario che il sistema della protezione civile della regione Campania compia un salto di qualità per evitare che le emergenze compromettano i territori ed è possibile farlo con l'apporto delle associazioni professionali". Lo ha detto l'assessore regionale ai Lavori pubblici e protezione civile, Edoardo Cosenza, intervenendo al convegno promosso dall'Ordine degli architetti di Napoli sul tema della programmazione e gestione delle emergenze. "La professionalità acquisita dagli architetti in tema di prevenzione delle emergenze - spiega Gennaro Polichetti, presidente dell'Ordine degli Architetti napoletani - si pone al servizio dei territori e delle istituzioni, per prevenire le emergenze che infliggono colpi mortali al territorio della nostra regione".

Da parte della Regione Campania il salto di strategia messo in atto riguarda le azioni concrete che stanno trasformando la protezione civile in una delle principali attività dei Lavori Pubblici regionali. "E' in corso un lavoro per rendere il territorio regionale - ha spiegato l'assessore Cosenza - più sicuro ed organizzato per fronteggiare le emergenze improvvise". La Regione ha avviato una collaborazione qualificata con le categorie professionali tecniche alle quali riconosce "un ruolo fondamentale di supporto alle pubbliche amministrazioni, molto spesso sguarnite di competenze e mezzi per fronteggiare le catastrofi naturali - ha affermato l'assessore Edoardo Cosenza - senza le quali, ogni minima e spesso prevedibile emergenza, crea danni enormi alle persone e alle cose ed incide fortemente sulla qualità della vita nei territori".

Torna su
NapoliToday è in caricamento