rotate-mobile
Cronaca

Donna con depressione bipolare sfrattata da casa: ora rischia di dover dire addio anche al suo cane

L'appello al sindaco Manfredi

Sfratto esecutivo eseguito in maniera forzosa questa mattina nella centralissima via Sedile di Porto, a pochi metri da via Mezzocannone e corso Umberto, ai danni di Giusi, 60enne con depressione bipolare diagnosticata. Per ora l'unica soluzione di alloggio prospettata resta quella di una stanza comune del dormitorio di piazza Grande Archivio, dove però non avrebbe accesso il cane a cui è molto legata. 

Gli attivisti per il diritto alla casa lanciano un appello al sindaco Gaetano Manfredi affinchè possa intervenire per aiutare la donna: "E' un esempio plastico e drammatico delle fragilità sociali dell'emergenza sfratti in città con oltre diecimila notifiche esecutive nel 2022.  E' uno di quei casi particolarmente fragili in cui abbiamo ripetutamente sollecitato una risposta dell'amministrazione comunale", denuncia  Alfonso De Vito degli sportelli per il diritto alla casa. "Facciamo appello al sindaco di intervenire: in questi casi emerge l'impreparazione della città che da anni non dispone di strutture adeguate ad assorbire l'emergenza abitativa, specie quando si coniuga con la fragilità sociale", concludono.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Donna con depressione bipolare sfrattata da casa: ora rischia di dover dire addio anche al suo cane

NapoliToday è in caricamento