menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Antonio Ferrara

Antonio Ferrara

Antonio Ferrara scomparso da Palma Campania: "Famiglia angosciata"

Non si hanno più notizie dell'imprenditore dal 9 dicembre scorso. L'uomo, padre di tre figli, si sarebbe dovuto incontrare con un socio per parlare di lavoro. Nessuna pista esclusa

I carabinieri non tralasciano nessuna ipotesi nell'indagine sulla scomparsa di Antonio Ferrara, un imprenditore edile di 42 anni di Palma Campania del quale non si hanno più notizie dal 9 dicembre scorso. L'uomo si sarebbe dovuto incontrare, nel comune di San Gennaro Vesuviano, con un socio per parlare di un lavoro, e da allora avrebbe fatto perdere le tracce.

I militari di Nola non escludono nessuna pista: il lavoro è diretto a capire se sia trattato di allontanamento volontario e se nella vicenda c'entrino problemi economici o una fuga d'amore, esclusa però dai familiari dell'uomo. La moglie ritiene che qualcuno abbia costretto Ferrara ad allontanarsi. I carabinieri hanno sequestrato l'auto, una Dacia Duster nera trovata nei pressi dell'abitazione dell'amico con il quale ha avuto l'ultimo incontro, e il computer dell'imprenditore, oltre a tutta la documentazione che può essere utile. Ascoltati parenti ed amici mentre il socio ha spiegato di non sapere che fine abbia fatto l'uomo e di averne perso le tracce dopo averlo salutato.


Ferrara, sposato e padre di tre figli, non ha avuto mai problemi con la giustizia. Sui muri della zona nolana é apparso un volantino con la foto dell'uomo e l'invito a collaborare alle indagini. "'La moglie, i suoi tre bambini e tutta la sua famiglia - si legge - vivono giornate di grande angoscia". (Ansa)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tony Colombo, l'annuncio: "A fine mese dirò addio alle scene musicali"

Attualità

Anm, via alla nuova linea bus 602 sulla tratta Garibaldi-Dante

Attualità

Riapre il Cinema Vittoria: coda al botteghino

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento