rotate-mobile
Cronaca Sant'antimo

Omicidio all'ora di cena, giallo su un 29enne ferito

I due agguati potrebbero essere collegati

Antonio Bortone, il 26enne ucciso ieri sera da una raffica di colpi d'arma da fuoco a Sant'Antimo, in via Solimena, nelle immediate vicinanze di una palazzina di edilizia popolare 2B, era ritenuto vicino al clan Ranucci. Il giovane è stato raggiunto dai killer mentre era in scooter. Vani i soccorsi del 118, per Bortone non c'è stato niente da fare. Indagini per risalire agli autori del raid, ma per il momento non esistono testimoni oculari e non c'erano nell'area telecamere di videosorveglianza.

Il giallo del ferito

Sempre nella serata di ieri all'ospedale di Aversa si è presentato un 29enne (sempre legato al clan Ranucci) con ferite di arma da fuoco compatibili con quelle di Bortone.

L'ipotesi è che i due agguati possano essere collegati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Omicidio all'ora di cena, giallo su un 29enne ferito

NapoliToday è in caricamento