menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il sito

Il sito

Dal blog La terra dei Fuochi una lettera ai Ministri "Basta roghi tossici, lo Stato intervenga"

Angelo Ferrillo, gestore della pagina di denuncia: "Davanti a rifiuti speciali dati alle fiamme in modo sistematico, non c'è alcuna evidenza scientifica da dimostrare, bisogna solo intervenire"

Angelo Ferrillo, presidente dell'associazione 'La terra dei Fuochi' e gestore dell'omonina pag web di denuncia, scrive ai Ministri della Salute, dell'Interno, della Giustizia, dell'Ambiente e al Presidente della Repubblica per chiedere " che si fermino  r oghi tossici e scarichi illegali di rifiuti speciali  con ogni mezzo e risorsa dello Stato".

A scatenare l'ennesimo moto di indignazione e rabbia, le dichiarazione del neominsitro della Salute Beatrice Lorenzin, secondo la quale in Campania il tragico picco di tumori che si registra è dovuto in particolar modo ad errati stili di vita. Ma l'evidenza dei fatti, per chi vive in questa terra maledetta, dimostra tutt'altro.

Sul blog della Terra dei Fuochi, il primo nato per denunciare la pratica criminale dei roghi tossici (sversamenti abusivi di rifiuti speciali e scarti industriali dati alle fiamme che generano enormi nubi velenose), sono raccolte migliaia di segnalazioni e c'è una mappatura precisa delle aree interessate costantemente dai roghi, da anni. Il tutto, spiega Ferrillo a NapoliToday "dimostra in maniera evidente che il fenomeno negli anni è stato ampiamente sottovalutato". E proprio il blog ha, per primo, dato la reale dimensione della drammaticità della situazione che non può ascriversi solo a pochi comuni della provincia di Napoli, ma che al contrario interessa ormai un'area estesissima.

"Le mie denunce in Commissione Parlamentare del 2009 e quelle alla Procura della Repubblica del 2008 hanno segnato lo spartiacque di questa vicenda che grazie a quanto documentato, archiviato e monitorato, provano l'esistenza di un vero e proprio "sistema criminale su ampia scala" che fa questo 24 ore su 24 senza sosta 365 giorni all'anno" spiega Ferrillo a NapoliToday.

Questo il testo della lettera inviata ai dicasteri: "Secondo rapporti ufficiali dei VV.FF - scrive Ferrillo - l o scorso anno  sono stati documentati e censiti  circa 3.500 incendi di rifiuti speciali nelle sole  province di Napoli e Caserta . Centinaia  al mese sono stati  i roghi di materiale tossico e nocivo, i quali continuano incessanti a tutt'oggi con gravi rischi per la salute, l'immagine e l'economia della regione Campania e dell'Italia. 

Noi semplici cittadini, domandiamo loro. Se il fumo di sigaretta anche passivo è accertata causa del CANCRO, cosa provoca quello di copertoni misto amianto e rifiuti speciali di ogni genere? 

Di questo dovrebbe rispondere il Ministro della Salute e le altre Istituzioni competenti per la sicurezza, la giustizia e l'ambiente. Dunque n on ascoltino persone stolte che per ignoranza o malafede stanno ancora appresso agli studi e al nesso di causalità.  Studi e relazioni sono utilissimi, ci mancherebbe, ma in questo preciso istante rischiano di esser "funzionali" a chi vorrebbe buttarla in "politichese" e perdere altro tempo prezioso. 

Davanti a rifiuti speciali dati alle fiamme quotidianamente e in modo sistematico, non c'è alcuna evidenza scientifica da ricercare o dimostrare.

Urge solo la necessità di intervenire in modo straordinario, concreto e repentino


Guardino questa semplice pagina (laterradeifuochi.it n.d.r.) e giudichino tali fatti. 
Secondo loro, è normale tutto ciò?

Pertanto, noi chiediamo che si fermino roghi tossici e scarichi illegali di rifiuti speciali con ogni mezzo e risorsa dello Stato, il prima possibile, con misure ad effetto immediato a carattere di straordinarietà e urgenza".

 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cura della persona

    Come usare il blush per riequilibrare la forma del viso

  • Media

    Il ritorno di Liberato: ecco "E te veng' a piglià" | VIDEO

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento