Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ambulanze, ecco le telecamere anti-violenza. Ma al 118 mancano ancora i medici

Presentato il primo mezzo con sistema di videosorveglianza e geolocalizzazione. Entro febbraio saranno 40. Ma la rete soffre per la carenza di personale: "Servono almeno 30 dottori"

 

Ambulanze hi-tech con telecamere e rilevatore gps che, però, rischiano di restare vuote. La presentazione, all'Ospedale del Mare di Napoli, del primo mezzo dotato di sistema di videosorveglianza porta con se una contraddizione. Da un lato, tutte le ambulanze dall'Asl Napoli 1 saranno tutte iper-accessoriate nel giro di un mese; dall'altro, la rete di emergenza napoletana soffre per la carenza di personale. 

Secondo le stime interne all'azienda, sarebbero oltre 70 le unità lavorative mancanti per garantire un servizio adeguato, 40-45 infermieri e una trentina di medici. Se per i primi, però, si prenderà a piene mani dal concorsone del Cardarelli, per i camici bianchi la soluzione del problema potrebbe essere più complessa. Anche perché, come affermato da Giuseppe Galano, responsabile del 118 dell'Asl Napoli 1 Centro: "...il medico di 118 è una figura particolare e non tutti vogliono ricoprire questo ruolo".

Il paradosso è che questi 30 medici sarebbero già in organico, ma sono stati spostati per consentire il funzionamento dei pronto soccorso. "Ho avuto rassicurazioni dal direttore generale che arriveranno anche i medici" è la speranza di Galano. Sull'argomento, Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, ha detto di non essere informato, rimandando la questione al direttore generale Ciro Verdoliva, che ha preferito non fermarsi a parlare con i cronisti.

In attesa di un servizio più efficiente, da oggi sarà maggiormente garantita la sicurezza del personale: "E' un percorso cominciato a febbraio, quando abbiamo acquistato le telecamere - spiega De Luca - Oggi ne vediamo i frutti. I video ci consentiranno di contrastare i fenomeni di violenza, mentre la geolocalizzazione anche di correggere disservizi". Le ambulanze saranno dotate di 4 obiettivi di ripresa, mentre dal posto di guida sarà possibile, spingendo un tasto rosso, contattare direttamente le centrali operative di polizia e carabinieri. "Siamo arrivati a questo per l'inciviltà di una parte minimale della popolazione" l'amara conclusione di Giuseppe Galano. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento