Alleanza di Secondigliano: ordinanza annullata al nipote di Tolomelli

Era accusato del gruppo dello zio nel clan Contini. Resta in carcere per traffico di stupefacenti

Ancora un annullamento di un'ordinanza di custodia cautelare nell'ambito dell'inchiesta “Cartagena” che ha stroncato l'Alleanza di Secondigliano. In particolare il tribunale del Riesame di Napoli ha annullato il provvedimento ai danni di Vincenzo Tolomelli, nipote e omonimo del ras del clan Contini.

L'accusa 

Era accusato di far parte proprio del gruppo dei Contini a cui appartiene lo zio ma il tribunale della Libertà non ha ritenuto fondate le esigenze cautelari. Tolomelli sta scontando un'altra condanna per traffico di stupefacenti a nove anni e quattro mesi di carcere. Per quella sentenza resterà in carcere. È difeso dall'avvocato Andrea Imperato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vitamina D e prevenzione del Covid-19, qual è la connessione: risponde l’esperto

  • Morte Maradona, Cruciani e Parenzo: "Non si piange un cocainomane, multe ai napoletani assembrati"

  • E' morto Diego Armando Maradona, Napoli piange per il suo campione: veglia funebre al San Paolo

  • Morte di Maradona, Laura Pausini: "In Italia fa notizia la morte di un uomo poco apprezzabile"

  • Com'è morto Maradona: il chiarimento del medico legale

  • Dramma nel salernitano, muore per Covid-19 una 33enne avvocato incinta

Torna su
NapoliToday è in caricamento