Alleanza di Secondigliano: ordinanza annullata al nipote di Tolomelli

Era accusato del gruppo dello zio nel clan Contini. Resta in carcere per traffico di stupefacenti

Ancora un annullamento di un'ordinanza di custodia cautelare nell'ambito dell'inchiesta “Cartagena” che ha stroncato l'Alleanza di Secondigliano. In particolare il tribunale del Riesame di Napoli ha annullato il provvedimento ai danni di Vincenzo Tolomelli, nipote e omonimo del ras del clan Contini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'accusa 

Era accusato di far parte proprio del gruppo dei Contini a cui appartiene lo zio ma il tribunale della Libertà non ha ritenuto fondate le esigenze cautelari. Tolomelli sta scontando un'altra condanna per traffico di stupefacenti a nove anni e quattro mesi di carcere. Per quella sentenza resterà in carcere. È difeso dall'avvocato Andrea Imperato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • De Luca: "Picco di contagi a inizio maggio. Stringiamo i denti o giugno e luglio chiusi in casa"

  • Coronavirus, tutti gli aggiornamenti del 5 aprile a Napoli e in provincia

  • Covid-19: lutto a Chiaia per la morte di Luciano Chiosi

  • Lettera ai figli dopo la morte: "Quando la leggerete non ci sarò più"

  • Coronavirus, morta una 48enne ricoverata al Loreto Mare

  • Scossa di terremoto nella notte: preoccupazione nell'area flegrea

Torna su
NapoliToday è in caricamento