menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Allarme bomba nell'ufficio postale e in banca, arrivano gli artificieri e scoprono la verità

Si trattava di falsi allarmi. Fermato un 45enne

I carabinieri della Stazione di Varcaturo, sotto il coordinamento della Procura di Napoli Nord - a seguito di necessari accertamenti e mirate indagini - hanno denunciato a piede libero interruzione di pubblico servizio e procurato allarme presso l’Autorità un 45enne del posto, già noto alle forze dell’ordine.

L’uomo, il 3 e il 9 aprile scorsi, ha chiamato in forma anonima i numeri attestati all’Ufficio Postale di via Domitiana e alle 2 filiali bancarie di via Lago Patria e della poco distante base Nato. Ha segnalato degli allarmi bomba che si sono rivelati falsi dopo una verifica fatta dal nucleo carabinieri cinofili e dagli artificieri.

Lo stesso episodio è avvenuto ieri mattina. L’uomo ha effettuato un’altra telefonata all’Ufficio Postale di Lago Patria. Immediati gli accertamenti dei Carabinieri che lo hanno identificato. Perquisita la sua abitazione, è stato rinvenuto e sequestrato il cellulare dal quale erano partite tutte le chiamate.


Vistosi messo alle strette, l’uomo ha spontaneamente dichiarato di avere molti debiti e di aver simulato i falsi allarmi bomba per dimostrare ai suoi creditori di essere impossibilitato ad effettuare prelievi di denaro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Attualità

Supplica alla Madonna di Pompei: il testo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Media

    Il ritorno di Liberato: ecco "E te veng' a piglià" | VIDEO

  • Media

    Amici, il napoletano Aka7even vola in finale

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento