rotate-mobile
Cronaca

"Vienimi a prendere, la stradale mi ha fermato": ma anche il cugino è brillo

I fatti sono avvenuti a Grosseto: un 61enne è stato fermato da una pattuglia della Polstrada con un tasso superiore al consentito. Ha chiamato il cugino 58enne, napoletano, che si è presentato sul posto brillo. Hanno dovuto chiamare un terzo familiare

La Polizia Stradale di Grosseto ha effettuato lo scorso fine settimana un’operazione volta a contrastare l'abitudine di mettersi alla guida dopo aver bevuto troppo o assunto droghe. In particolare una pattuglia ha fermato un 58enne del napoletano, che aveva raggiunto con la sua auto un cugino 61enne che era stato fermato dai poliziotti a causa del tasso alcolemico di 0,71 g/l.

Il 58enne, appena è giunto sul posto per portare via il mezzo del parente, ha infilato le chiavi nel cruscotto ma, prima di accendere il motore, gli agenti lo hanno sottoposto al test dell’etilometro. Anche lui è risultato positivo poiché aveva un tasso di alcool nel sangue pari a 0,73 g/l. A quel punto i due cugini hanno dovuto chiamare un terzo familiare, un 45enne loro conterraneo, al fine di recuperare l’auto e il SUV. Lui è risultato sobrio e, pertanto, ha ricevuto dagli agenti il via libera. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Vienimi a prendere, la stradale mi ha fermato": ma anche il cugino è brillo

NapoliToday è in caricamento