Si immerse con Alberto Angela tra le meraviglie di Baia: muore sub napoletano

Poco più di un mese fa il conduttore tv aveva ringraziato pubblicamente la famiglia Carannante per il supporto nelle immersioni nel parco sommerso di Baia

Un malore ha strappato alla vita Biagio Carannante nel golfo di Rapallo. A stroncare l'imprenditore 72enne un malore mentre era al lavoro tra il secondo e il terzo pontile dello scalo “Carlo Riva”. A nulla sono valsi i soccorsi, Carannante aveva ancora la muta quando è stato raggiunto dai medici del 118.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri e e la guardia costiera del luogo. L'azienda di Carannante, nella quale lavorava anche il figlio, si occupava del monitoraggio dei fondali.

A marzo, Alberto Angela in un post Facebook aveva dedicato un post alla famiglia Carannante: "Una delle tante risalite a bordo dell'imbarcazione di Biagio e Samuele Carannante che con la loro esperienza ci hanno fornito una preziosa assistenza sopra e sotto l'acqua. Siamo rimasti quasi 5 ore in immersione spostandoci ogni volta in siti diversi con l'imbarcazione. La troupe ha seguito e ripreso ogni momento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

alberto angela sulla barca di Carannante-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Giovani in strada fino a tarda notte, da Napoli arriva una soluzione alternativa

  • Un Posto al Sole, sospese le repliche: "In arrivo le nuove puntate"

  • L’acqua ossigenata nella cura contro il Covid-19: lo studio napoletano

  • Post Coronavirus: le nuove tendenze del mercato immobiliare

  • Coronavirus, i dati a Napoli: nessun nuovo guarito ma tre casi e un decesso in più

  • Ritorno a scuola, De Luca incontra i pediatri: "Vaccinazione per i bambini e dpi nelle classi"

Torna su
NapoliToday è in caricamento