menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torna l’albero di Natale della pizza: era stato rubato

"Gino Sorbillo ha dato la risposta migliore alla violenza delle baby gang, ma è necessario che ci sia un impegno più forte da parte delle forze dell'ordine"

Gino Sorbillo ha dato la risposta migliore alla violenza delle baby gang, rimettendo al suo posto, nei pressi della storica pizzeria dei Tribunali, l’albero di Natale della pizza che, nei giorni, scorsi, alcuni ragazzini avevano rubato senza preoccuparsi della gente che c’era in attesa di entrare o che passava in quella zona particolarmente affollata”. Lo ha detto il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli, nel corso della diretta con La radiazza di Gianni Simioli, ricordando che “sull’albero sono appese palle speciali che contengono gli ingredienti della pizza”.

“Sorbillo ha fatto la scelta giusta, dimostrando di non volersi arrendere alle baby gang, ma è necessario che ci sia un impegno più forte da parte delle forze dell’ordine e pare davvero incomprensibile il silenzio del Prefetto che continua a sottovalutare il problema, nonostante abbia ascoltato l’appello di diversi rappresentanti istituzionali e anche religiosi, a cominciare dal cardinale Sepe che, proprio davanti a Gerarda Pantalone, aveva evidenziato il crescente fenomeno delle baby gang”, ha spiegato Borrelli per il quale “ormai è un fenomeno diffuso in tutta la città, al punto che si può creare una vera e propria mappa".

“Si va dal gruppo del Cavone, a quello dei Quartieri Spagnoli e del Pallonetto o a quelli di Forcella e piazza Mercato "dove hanno anche danneggiato la fontana del Seguro restaurata da poco, ma ci sono decine di ragazzini che fanno scorribande anche in altre zone, meno centrali, come quelli di Pianura che, qualche settimana fa, danneggiarono la stazione della Cumana o come quelli di San Giovanni a Teduccio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento