(nessun video da visualizzare)

Due aggressioni a sfondo razziale in poche ore: "Adolescenti con mazze da baseball"

 

Due aggressioni a sfondo razziale in poche ore. I due episodi, riportati dal centro sociale ex Opg - Je so' pazzo, avvengono a distanza di poche ore nel centro storico di Napoli. E' Abrar, 43enne pakistano, a raccontare la prima aggressione che lo riguarda direttamente: "Tornavo al lavoro, ero su Corso Umberto quando ho incrociato un gruppo di adolescenti, ragazzi e ragazze con mazze da baseball. Uno di loro mi chiede se sono del Bangladesh, gli dico di no e riprendo a camminare. Poi vengo colpito alla testa, e anche gli altri cominciano a colpirmi e a offendermi". Abrar racconta l'aggressione dall'ospedale Cardarelli, dove si è recato per controlli. "Inizio a correre e mi rinchiudo in casa. Non è la prima volta, mi è già successo di essere vittima di attacchi razzisti, ed è successo anche a persone che conoscco. Questa cosa va fermata", conclude Abrar, che ha riportato traumi guaribili in cinque giorni. 

Poche ore dopo, spiegano dal centro sociale, un altro episodio simile: "Un ragazzo bengalese è stato aggredito, gli hanno aperto la testa ed è stato trasportato al Pronto Soccorso dell'ospedale Loreto Mare". I due episodi sembrerebbero riconducibili allo stesso gruppo di adolescenti armati di mazze da baseball. 

"Non ci spaventano i razzisti organizzati, e non ci spaventeranno mai", concludono dall'ex Opg. "Quello che ci preoccupa è la circolazione e la penetrazione dei discorsi dei razzisti nei quartieri popolari. Il vento dell'intolleranza soffia più forte li dove i percorsi di solidarietà e mutualismo non arrivano. È più semplice pensare che tutta la società sia diventata totalmente razzista, ma noi non ci stiamo alle semplificazioni estreme, perchè non ci aiutano ad affrontare realmente la questione del razzismo nè ad interpretare la realtà. [...] Saremo sempre in prima fila a rivendicare la generalizzazione dei diritti e a sbarrare la strada ai razzisti e al razzismo che dall'alto dei ministeri calano nei nostri quartieri, con ogni mezzo necessario"- 

Potrebbe Interessarti

Torna su
NapoliToday è in caricamento