Cronaca Torre del greco

Trans aggredita dal branco, le indagini: verrà ascoltata dalla polizia

Agenti a caccia della babygang che ha preso a calci una giovane transgender a Torre del Greco

La ragazza transgender brutalmente aggredita da due giovanissimi a Torre del Greco sarà sentita dagli inquirenti. È quanto emerge nelle ultime ore a proposito della vicenda resa nota ieri dal consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, che per denunciare l'accaduto aveva postato su Facebook la vergognosa scena dell'aggressione ripresa da uno smartphone.

La polizia indaga ed è al lavoro nel tentativo di reperire immagini catturate dai sistemi di videosorveglianza della zona dove è avvenuto l'episodio, cioè nel quartiere periferico di Leopardi.

Non si esclude, e anche da questo punto di vista gli investigatori proveranno a fare luce, che non si tratti di un epsiodio isolato.

Il caso ha destato indignazione nell'opinione pubblica non soltanto campana. Così il sindaco della città vesuviana, Giovanni Palomba: “'Seguirò il prima persona, con le competenti autorità, gli sviluppi della questione. Quanto accaduto non può e non deve trovare alcuna legittima giustificazione. La violenza, sia fisica che verbale, rappresenta il più basso istinto comportamentale per una comunità che invece vuole definirsi progredita e civile”. Da parte del primo cittadino è stata espressa “massima condanna per quanto accaduto, che getta onta ed ombre sulla dignità della nostra città; rivolgo la mia personale solidarietà, oltre a quella amministrativa, alla vittima e alla sua famiglia. Torre del Greco non è questo. Dobbiamo tutti, ognuno per sua parte, intervenire sui processi di riqualificazione sociale del nostro territorio e contribuire alla riabilitazione della dimensione civica dei nostri giovani, ingenerando in ciascuno di noi una nuova cultura dell'altro”.

il video dell'aggressione

La denuncia di Borrelli

"Il video sarebbe stato girato in via Nazionale a Torre del Greco - spiega il consigliere regionale di Europa Verde Francesco Borrelli, che ha diffuso sui social network le immagini - dove si è consumata una vile aggressione, sembra di chiara matrice omofoba, ai danni di un indifeso che oltre ad essere stato rincorso e scaraventato al suolo è stato preso a calci da due squadristi codardi. La vittima ha provato a scappare e urlare ma è stato braccato e ha dovuto sottostare ai calci degli aggressori. Abbiamo provveduto a girare le immagini alle forze dell’ordine affinché procedano all’identificazione dei due vigliacchi, perché siano denunciati".

Arcigay Napoli: "La conosciamo, proviamo a contattarla"

Daniela Lourdes Falanga, presidente dell'Arcigay di Napoli, spiega: "Conosciamo la persona inseguita e presa a calci. Si tratta di una donna trans già supportata da Antinoo Arcigay Napoli e PRIDE Vesuvio Rainbow in diversi momenti. Stiamo in tutti i modi cercando di contattarla per mostrarle sempre vicinanza e aiuto. Ci impegneremo a darle il massimo sostegno".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trans aggredita dal branco, le indagini: verrà ascoltata dalla polizia

NapoliToday è in caricamento