Violenta aggressione in Piazza Dante: 21enne malmenato da sei giovani

La madre: "E' un miracolo che sia ancora vivo"

"Giovedì sera in piazza Dante, intorno alle 22,30, si è consumato l’ennesimo caso di aggressione da parte di una baby gang. Un giovane di soli 21 anni, figlio di un medico napoletano e di una signora russa, si è visto avvicinare da un gruppo di sei persone. La strategia del branco è sempre la stessa: 'Ma mi stai guardando'. A nulla è servito il diniego del malcapitato. Dopo cinque minuti lo hanno attaccato alle spalle, picchiandolo senza alcuna pietà". E' quanto denuncia il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, a cui si è rivolta la famiglia del giovane.

"Calci, pugne e botte. Sei contro uno. Gli hanno procurato un trauma cranico, oltre a ferite, ematomi e contusioni, costringendolo alle cure ospedaliere. Una furia cieca che è pienamente rappresentativa della pericolosità sociale di alcuni gruppi di giovani violenti che si aggirano per le strade. Ringrazio Dio che sia vivo. Quando l’ho visto aveva dei segni sotto al collo come se lo avessero strangolato. E’ un miracolo che sia ancora qui con noi. Siamo di fronte ad un’assurdità, è inconcepibile che un ragazzo di 21 anni che esce a fare una passeggiata in piazza Dante torni a casa in queste condizioni", afferma la madre del giovane, la signora Oksana.

"L’aggressione di piazza Dante – aggiunge Borrelli – è l’ennesimo capitolo di un fenomeno che denunciamo da tempo. Delinquenti, teppisti e violenti si stanno impadronendo della città, in particolare del centro storico. Nascondersi dietro un dito è inutile e deleterio, occorre dire la verità: siamo di fronte ad un emergenza sicurezza. La violenza delle baby gang rappresenta un problema serio e molto grave. Come ha detto la mamma del ragazzo aggredito è assurdo che una persona esca di casa per una passeggiata e sia ridotto in quelle condizioni senza alcun motivo. Ricordiamo che piazza Dante è presidiata dai militari, ancora una volta la presenza dell’Esercito si rivela inefficace. Occorre investire sulle forze dell’ordine. Stiamo ancora aspettando i rinforzi promessi dal ministro dell’Interno Salvini. Il sottodimensionamento di polizia e carabinieri non permette di dare risposte efficaci ai fenomeni delinquenziali che interessano la città. Il tempo è scaduto, ora occorre trovare soluzioni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di De Luca: "Misure drastiche. Si blocca la movida"

  • Lutto nel mondo del cinema e del teatro: è morta Rossella Serrato

  • Un Posto al Sole, anticipazioni dal 28 settembre al 2 ottobre: tra proposte di matrimonio e figli legittimi e non

  • Coronavirus, primo alunno positivo in Campania: chiusa la scuola

  • Coronavirus, record negativo di nuovi casi. De Luca: "Se continua così chiudiamo tutto"

  • Elettra Lamborghini: con Napoli è vero amore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento