Venerdì, 12 Luglio 2024
Cronaca Acerra

"Sta scema nun capiscj nu c***o": aggredita infermiera del 118

La denuncia di Nessuno Tocchi Ippocrate

Nuove minacce al personale del 118. Questa volta scenario dell'aggressione verbale è Acerra dove una squadra è intervenuta per assistere una giovane colpita da crisi epilettica. A denunciare tutto è Nessuno Tocchi Ippocrate. Questo il racconto.

"Ore 00.20 il 118 di Casalnuovo viene allertato per un neurologico codice giallo ad Acerra, per riferite crisi epilettiche in soggetto giovane con pregressi. Giunti sul posto trovano una paziente di circa 30 anni stesa nel proprio letto, vigile e cosciente, in evidente stato ansioso. Si rilevano parametri vitali e nel mentre ,la madre, pretende somministrazione di valium "pcché je stong sul je e comm cià faccj sta serenga" - “vivo da sola e non posso farle la siringa”.

L’equipaggio cerca di spiegare che la somministrazione di valium va fatta con crisi epilettica in corso , ma la signora insiste che l'operatrice con cui ha parlato a telefono le ha assicurato "mo venen i uagliun e ce fann a serenga". (Cosa poco credibile sia per il dialetto che per la “rassicurazione”)

All'ennesima spiegazione che non si può somministrare valium senza necessità,la signora ,rivolgendosi all'autista/soccorritore esclama "piglet sta scema ca nun capiscj nu cazz e puortatell primm che a vatt", riferito alla infermiera, rifiutando persino di fornire generalità della figlia. Visto che nessuno ci tutela c’è una unica soluzione; FUGGIRE DALLA PRIMA LINEA!".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sta scema nun capiscj nu c***o": aggredita infermiera del 118
NapoliToday è in caricamento