Vogliono essere visitati: coppia di pazienti aggredisce guardie giurate

L'ennesima aggressione al Vecchio Pellegrini. E' la 75esima dall'inizio dell'anno

Ancora un’aggressione in corsia: quattro guardie giurate in servizio presso l’ospedale Vecchio Pellegrini sono state aggredite da una coppia di coniugi in attesa di essere visitati. I due stavano aspettando nel pronto soccorso da 10 minuti per un codice verde quando hanno cominciato a dare in escandescenze. Erano in ospedale per un’ernia ombelicale dell’uomo. All’improvviso hanno scaraventato i computer a terra e preso a pugni i vetri rompendone uno, creando panico tra gli operatori e i pazienti in attesa nella sala.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I vigilantes sono intervenuti per calmarli, ma sono stati aggrediti. Anche se refertati hanno continuato a prestare servizio. Sul posto è arrivata anche la polizia. Si tratta della 75esima aggressione dall'inizio del 2019. Lo rende noto l'associazione Nessuno Tocchi Ippocrate che dichiara: «Il Vecchio Pellegrini oramai è martorizzato da episodi quasi quotidiani di violenza- spiegano dall'associazione - esprimiamo massima solidarietà ed appoggio a tutto il personale che giorno dopo giorno lavora in trincea».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mobilità tra regioni, confermata la data del 3 giugno: in Campania si potrà arrivare da tutta Italia

  • De Luca rilancia la movida: "Cinema all'aperto e musica nei locali: apriamo tutto"

  • Lutto nel mondo della canzone napoletana: addio a Nunzia Marra

  • Coronavirus, nuovo positivo a Napoli: i dati dell'Asl

  • Grave lutto nel mondo dell'imprenditoria: addio al noto designer Roberto Faraone Mennella

  • Report su De Luca e sulla sanità in Campania: "Lo sceriffo si è fermato ad Eboli"

Torna su
NapoliToday è in caricamento