Aggredirono due fotografi: De Martino e Belen rinviati a giudizio

Rischiano fino a tre anni di carcere

Belen Rodriguez e il suo ex marito, Stefano De Martino, sono stati rinviati a giudizio per una presunta aggressione a due paparazzi.

Dovranno rispondere di esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza sulle persone e lesioni non gravi per la presunta aggressione avvenuta a Ponza nel 2012, in località Palmarola.

Rischiano fino a tre anni di carcere. Imputato ancge Perez Blanco, all'epoca ex di Cecilia, sorella della showgirl.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La denuncia

A scatenare l'aggressione, come denunciano i due paparazzi, foto scattate a Ponza dai paparazzi verso la barca in cui erano De Martino, Belen, Cecilia e l'ex.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gianluca Manzieri: "Ho dovuto trovare la forza e il coraggio per affrontare il male e per sconfiggerlo"

  • Amministrative 2020, i risultati nei 28 comuni al voto nel napoletano

  • Regionali Campania 2020, i risultati: Partito Democratico primo partito

  • CALCIOMERCATO NAPOLI - A centrocampo può restare Palmiero: "Decidono Gattuso e Giuntoli"

  • Coronavirus, boom di positivi in Campania e un morto su soli 3.400 tamponi esaminati

  • Coronavirus, De Luca: "Tra fine ottobre e novembre attesa la ripresa del contagio"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento