Cronaca Rione Berlingieri

Il figlio di Tina Rispoli resta in carcere ma il fermo non è stato convalidato

Sulla custodia cautelare di Crescenzio Marino giudicherà il Gip del tribunale di Napoli entro 20 giorni

Resta in carcere Crescenzio Marino, il figlio di Tina Rispoli e del boss ucciso Gaetano dell'omonimo clan. Il giovane che ha aggredito un ragazzo di 25 anni per questioni sentimentali resterà nel carcere di Poggioreale nonostante il Gip del tribunale di Napoli Nord non abbia convalidato il fermo ai suoi danni. Il giudice ha però disposto la custodia cautelare in carcere e ha rimesso gli atti al tribunale di Napoli definendosi incompetente per la vicenda. Entro 20 giorni dovrà arrivare un'ordinanza del suo omologo partenopeo o altrimenti il giovane potrà essere scarcerato.

L'arresto 

Marino è stato arrestato a Giugliano dopo la lite nel corso della quale ha quasi staccato un orecchio al suo “rivale”, suturato poi con 50 punti di sutura, e l'ha colpito con dei pugni al volto che gli hanno provocato dei danni alla retina. La sua colpa era quella di essersi fidanzato con la ex del figlio del boss “moncherino”. L'aggressione è avvenuta nella notte tra mercoledì e giovedì all'interno del rione Berlingieri a Secondigliano. Per questo motivo il magistrato si è dichiarato incompetente per territorio perché il reato si è consumato all'interno dell'area di competenza del tribunale di Napoli anche se l'arresto è avvenuto a Giugliano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il figlio di Tina Rispoli resta in carcere ma il fermo non è stato convalidato

NapoliToday è in caricamento