Olio e lubrificanti nelle fognature: denunciato titolare di un'officina

Aveva tutto il materiale stoccato nell'officina e le acque reflue inquinavano. La scoperta a Pozzuoli

I carabinieri della stazione di Pozzuoli hanno denunciato per immissione abusiva di acque reflue industriali in fognatura pubblica e gestione illecita di rifiuti il titolare di una rivendita di scooter che in modo abusivo esercitava anche attività di riparazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La scoperta 

Involucri di pezzi di ricambio, latte di olio e liquidi lubrificanti, pezzi di ricambio non più utilizzabili, considerati rifiuti speciali pericolosi, erano stoccati abusivamente all’interno dei locali e le acque reflue andavano a riversarsi direttamente nella fognatura pubblica piuttosto che essere recuperate in bidoni appositi ed essere avviate allo smaltimento in modo regolare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amministrative 2020, i risultati nei 28 comuni al voto nel napoletano

  • Polmonite bilaterale, medico del Cardarelli rischia la vita per il Covid: "Tanta paura. Ora sta meglio"

  • Lutto nel mondo del cinema e del teatro: è morta Rossella Serrato

  • Coronavirus, primo alunno positivo in Campania: chiusa la scuola

  • Coronavirus, record negativo di nuovi casi. De Luca: "Se continua così chiudiamo tutto"

  • Bonus tiroide: di cosa si tratta e come fare per richiederlo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento