Macchia nera al Lago Patria: ipotesi naturale?

La scarsa ossigenazione del lago potrebbe aver generato la colorazione marrone, che aveva subito fatto pensare all'inquinamento causato dall'uomo

Continuano le indagini sull'acqua marrone Lago Patria. Al lavoro i Carabinieri del gruppo sommozzatori, Arpac e Guardia Costiera per tentare di comprendere il motivo di tale fenomeno.

In un primo momento si pensava all'ipotesi inquinamento, ma con il passare delle ore emerge l'ipotesi naturale: a causare la colorazione marrone delle acque potrebbero aver contribuito l'ossidazione e le alghe, per la scarsa ossigenazione del lago. A riportare tale ipotesi la community Varcaturo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al momento, comunque, nessuna ipotesi viene esclusa, neppure quella dolosa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Amministrative 2020, i risultati nei 28 comuni al voto nel napoletano

  • Regionali Campania 2020, i risultati: Partito Democratico primo partito

  • Polmonite bilaterale, medico del Cardarelli rischia la vita per il Covid: "Tanta paura. Ora sta meglio"

  • Coronavirus, boom di positivi in Campania e un morto su soli 3.400 tamponi esaminati

  • Vruoccole e tagliatelle: il segreto della ricetta napoletana

  • Coronavirus, record negativo di nuovi casi. De Luca: "Se continua così chiudiamo tutto"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento