menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

17enne accoltellata alla gola dal fidanzato a piazza del Plebiscito: "Colpo poteva essere fatale"

L’assessore Clemente ricorda in un post il caso della 17enne accoltellata in Piazza del Plebiscito dal suo fidanzato, e lancia un appello alle Istituzioni affinchè mettano in campo progetti educativi che non rincorrino ma prevengano il problema

In un lungo post sulla sua pagina Facebook, l’Assessore al patrimonio, ai lavori pubblici e ai giovani, Alessandra Clemente ricorda la 17enne accoltellata qualche giorno fa in Piazza del Plebiscito dal suo fidanzato coetaneo perchè non accetava la fine della loro relazione. La Clemente lancia un appello alla politica affinchè rifletta sul sistema culturale ed educativo vigente e metta in campo progetti educativi che non rincorrino ma prevengano il problema.

“Due giorni fa – scrive la Clemente - una ragazza di 17 anni è stata accoltellata in Piazza Plebiscito da un suo coetaneo, accoltellata alla gola. La ragazza aveva deciso di lasciare il suo aggressore che, con un comportamento criminale intriso di una cultura maschilista e machista, ha deciso di punire quella decisione con il sangue. L’ha abbracciata e l’ha colpita. Un colpo che poteva essere fatale ma che, per fortuna, si è risolto con 10 giorni di prognosi per la giovanissima. Siamo stati ad un passo dall’ennesimo caso di femminicidio, ancor più grave per l’età di vittima e aggressore, due adolescenti.

A lei va il mio primo pensiero ed il mio abbraccio più sincero perché non si senta sola; nessuno può arrogarsi il diritto di piegare la volontá degli altri utilizzando la violenza. Purtroppo troppi uomini ancora non accettano che le donne si autodeterminino e siano autonome nelle proprie scelte. Questo non deve farci arretrare ma, anzi, deve spronarci ad essere sempre più forti e indipendenti. In secondo luogo penso al ragazzo: com’è possibile che a 17 anni (come a 60 d’altronde) si possa pensare che la propria fidanzatina sia una proprietà privata e non una persona da rispettare in tutte le sue scelte? E poi com’è possibile pensare che la violenza, la cieca violenza sia la soluzione ad un problema?

Tutto questo ci impone una riflessione sulla società odierna, sul nostro sistema culturale ed educativo ed una ferma presa di posizione: la politica si occupi finalmente di questo problema con serietà. È di qualche giorno fa la notizia della sentenza della Consulta che stabilisce il patrocinio gratuito per le donne vittime di violenza. Una decisione per incoraggiare la denuncia. Ma va fatto qualcosa per prevenirla. Bisogna anticipare il problema, non rincorrerlo. La violenza di genere si combatte aiutando le donne a diventare indipendenti, fin da piccole, contrastando il clichè, ancora troppo vivo in Italia, della donna madre e casalinga. Educando i giovani alla non violenza ed alla risoluzione non violenta dei conflitti. Ma si fa anche con l’esempio ed allora io mi chiedo: che esempio stiamo dando ai giovani maschi di questa città? Cosa leggono loro negli atteggiamenti maschilisti dei padri o dei politici in tv? Con quali idee infettiamo le loro teste ogni volta che giudichiamo una donna perchè donna e non per il suo operato? Ecco, muoviamoci in questo senso: educazione, cultura, strumenti processuali e normativi a tutela della donna che subisce violenza e che denuncia. Educhiamo i ragazzi e le ragazze e proteggiamoli, anche da chi è latore inconscio di messaggi sbagliatissimi.

In questi anni, come Amministrazione, abbiamo portato avanti tanti progetti educativi come “Storie di bullismo”, per sensibilizzare i più giovani al tema della violenza di genere, razziale, omotransfobica; “La scuola e la città” per parlare di educazione civica e ai sentimenti; “#zeromimose, passi, gesti e sguardi di donna” per discutere tutti insieme di pari opportunità e tanti altri ne realizzeremo. Mi mancano tanto queste attività. Anche il nostro modo di fare “prevenzione” con l’alleanza delle istituzioni scolastiche è stato ferito dal virus e non nascondo tanta preoccupazione per ciò che in quest’anno raccoglieremo. Questa preoccupazione - conlude l'assessore - deve essere un motivo per rinforzare tutto questo è non metterlo in blocco. Perché non ne possiamo più di queste notizie. Non possiamo più sopportare che una donna sia vittima di violenza maschile. Perché donna, perché proprietà di un maschio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Mina Settembre, anticipazioni puntata 31 gennaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento