rotate-mobile
Mercoledì, 19 Giugno 2024

"Ho denunciato gli abusi subiti da un prete, ora aspetto giustizia da Papa Francesco"

Arturo Borrelli, alias Diego Esposito, è l’uomo che ha portato alla luce i presunti abusi su minori da parte di un sacerdote a Ponticelli. Abusi che, a detta di Arturo, si sarebbero verificati sul finire degli anni ‘80 (a circa 12 anni, quando il prete era suo insegnante di religione) e che gli avrebbero rovinato la vita, fino a fargli perdere il posto di guardia giurata. Il coraggio di denunciare, però, è arrivato solo nel 2010 quando in seguito a diversi malori decise di buttare fuori quel “mostro” che per troppo tempo era rimasto nel suo cuore. Da quel giorno sono stati tanti i suoi appelli, tante le sue lettere, tante le manifestazioni di protesta, per una vicenda che ha portato ad un procedimento ecclesiastico a carico del prete presso il Tribunale Ecclesiastico di Milano. 

Arturo, come tante altre presunte vittime nel mondo, ha seguito con attenzione e trepida attesa lo svolgimento del recente summit voluto da Papa Francesco che ha incontrato in diverse occasioni. Arturo, che nel giugno scorso ha subito anche lo choc della perdita del giovane figlio Luigi, ha sempre affermato di non essere contro la Chiesa e che proprio da Papa Francesco si aspetta un segnale forte, anche per il suo caso. 

In effetti, con Bergoglio sulla Cattedra di Pietro sono stati tanti i casi venuti alla luce e tanti i provvedimenti presi. Tra questi, la recentissima condanna del card. George Pell e la sospensione per questo dal ministero (il porporato era prefetto della Segreteria per l’economia), la riduzione allo stato laicale dell'arcivescovo emerito di Washington Theodore McCarrick (al quale già in precedenza era stata tolta la berretta cardinalizia) e le dimissioni in blocco dei vescovi cileni (ne sono state accolte solo alcune) accusati di aver coperto abusi su minori. 

Proprio sull’azione e l’impegno papale, ai microfoni di Napoli Today Arturo, al quale è stato anche riconosciuto un aiuto economico da parte del Vaticano, ha detto: “Con questo Papa inizia una nuova era. Credo molto nel Santo Padre che ho incontrato già quattro volte per la mia storia. Però non può fare tutto da solo ed ha bisogno dell’aiuto di altri vescovi e cardinali, affinché il bene vinca sul male”.

Video popolari

NapoliToday è in caricamento