Cronaca Chiaiano / Via Tirone

25 aprile 2013: la Liberazione si festeggia al Fondo Confiscato di Chiaiano

Simbolico e importante l'appuntamento alla Selva Lacandona dedicata ad Amato Lamberti: "Connettere le storie dei partigiani degli anni 40 con quelle dei partigiani di oggi, che ogni giorno difendono il proprio territorio"

Fondo Confiscato a Chiaiano - foto@V.Graniero/NapoliToday

Seconda 'chiamata a raccolta' che arriva da Fondo Rustico 'Lacandona' di Chiaiano: 14 ettari di pescheti e vigneti confiscati alla malavita organizzata, oggi resitutiti alla vita e alla cittadinanza e curati dalla Cooperativa Resistenza (nata dall'associazione (R)esistenza Anticamorra), insieme ad altre realtà che lottano per la salvaguardia del territorio.

Dopo lo straordinario successo del lunedì di pasquetta, che ha visto accorrere al Fondo dedicato ad Amato Lamberti oltre 500 persone per trascorrere una giornata all'insegna della legalità e della socialità sana e positiva, gli organizzatori rinnovano l'invito alla cittadinanza per il prossimo 25 aprile, "per festeggiare insieme un momento per noi particolarmente significativa: la giornata che celebra la cacciata dell'esercito nazi-facista e la liberazione ottenuta con la resistenza".

"Sappiamo bene - spiegano gli organizzatori - che da quel periodo storico ci semparano tanti decenni, ma siamo da sempre convinti che anche se cambiandole condizioni i popoli del mondo, in forme diverse, continuano a Resistere per liberarasi da qualche forma di oppressione. Ecco perché il 25 Aprile non vogliamo solo ricordare e celebrare le gesta eroiche dei partigiani di allora, ma vogliamo connettere le storie degli anni 40 con quelle dei partigiani di oggi, che sono quelli che ogni giorno difendono il proprio territorio, i propri corpi, la propria vita dalla speculazione predatoria. Questa speculazione da noi ha spesso un nome preciso, quello della camorra, quella di un potere criminale tentacolare che è riuscito ad impadronirsi di interi pezzi di metropoli, di intere fasce di società, di larga parte della forza lavoro. Ecco perché vederci proprio sul Fondo confiscato "Selva Lacandona", su un territorio sottratto al giogo delle mafie e dei loro profitti, è per noi il miglior modo per ricordare i partigiani di allora e per riconoscere il lavoro dei partigiani di oggi che si battono contro i fascismi. La camorra è uno di questi".

Il programma della giornata è ricco, divertente e interessante e prevede pic nic tra i meravigliosi pescheti, braciata, vino e cucina popolare, musica e tammorre, animazione per bambini offerta dall'associazione "Realtà Futura", stand di prodotti artigianali e importanti testimonianze 'resistenti' dal "Coordinamento familiari vittime innocenti di camorra", ANPI e afronapoli calcio

In una logica di rispetto e salvaguardia dell'ambiente e di una cultura volta ai 'Rifiuti Zero', gli organizzatori propongono a tutti i partecipanti di portare da casa la cosiddetta 'mappatella' (tutti gli utensili atti a consumare pasti e bevande, rigorosamente non in plastica)

Tante le associazioni, realtà territoriali, comitati e movimenti che continuano a dare la propria adesione a questo speciale 25 aprile tra le quali: ANPI, ass. (R)ESISTENZA, Comitato Vele, Presidio Antidiscarica Chiaiano, Afronapoli calcio, ass. Realtà Futura, Rete Commons, Coop. Sociale (R)ESISTENZA, Coordinamento familiari vittime innocenti di camorra, comitato civico cambiamo Mugnano.

Un nuovo importante appuntamento, non solo per l'area nord di Napoli, ma per tutta la città: un'occasione per legare a stretto filo storie di Resistenze di ogni tempo e per tracciare un percorso futuro di coraggio, liberazione e libertà.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

25 aprile 2013: la Liberazione si festeggia al Fondo Confiscato di Chiaiano

NapoliToday è in caricamento