Ricevi la nostra Newsletter

L'unico modo per non perderti nulla sulle novità gastronomiche suggerite da Cibotoday. Ogni mattina nella tua e-mail.

rotate-mobile
Dove mangiare

Il pasticciere Sal De Riso ha aperto un ristorante in Costiera

Dalla pasticceria a pasta, pizza, carne alla griglia e bottiglie di vino. Come uno dei più famosi pasticcieri italiani ha doppiato a casa sua, sul lungomare di Minori

400 metri quadri illuminati da vetrate, forno, cantina e cucina a vista: sono gli ingredienti del ristorante Sal De Riso Gourmet arrivato il 21 aprile sul lungomare di Minori, in Costiera Amalfitana, accanto alla celebre pasticceria omonima. Dietro ci sono il pasticciere Sal De Riso e sua moglie Anna De Nunzio. “A sette anni dall’apertura della pasticceria-bistrot Sal De Riso Costa d’Amalfi, oggi realizziamo un altro grande sogno che custodivamo nel cassetto. Da un po’ di tempo sentivamo il bisogno di ampliare la nostra offerta gastronomica” ha raccontato Anna De Nunzio.

Sal de Riso con la moglie Anna De Nunzio

Prima di fare il pasticciere ho avuto un’esperienza di sette anni nei migliori ristoranti della costiera amalfitana” ci racconta Sal De Riso “è sempre stata una mia grande passione”. Da lì gli occhi vengono puntati su un locale accanto alla pasticceria che De Riso frequentava sin da piccolo “abbiamo preso il locale a gennaio 2021 e i lavori sono finiti praticamente il giorno dell’inaugurazione. Venivo qui da bambino a prendere il pane, è stata una panetteria per 50 anni, dopo è diventata una paninoteca e dal 2019 è passata in mano a noi”.

Il menu di Sal De Riso Gourmet

La cucina di Sal De Riso Gourmet

Oggi il locale si è trasformato in un ristorante con piatti, quadri alle pareti, cucina a vista ed eventi musicali, il tutto snocciolato tra 400 metri quadri di attività, con 50 posti all’interno e 65 direttamente sul lungomare. La cucina è gestita dallo chef Giuseppe Cozzolino, che con la sua brigata tiene in piedi un menu pensato per soddisfare praticamente qualsiasi gusto, dal pranzo alla cena. È organizzato per capitoli, con 25 proposte divise tra antipasti (tra i 22 e i 40€), primi (tra i 22 e i 26€), secondi (tra i 22 e i 25€), piatti dal grill e piatti della tradizione napoletana. Nella prima parte spazio alla creatività ma senza eccessi, come nel Mosaico di crudo di mare, le alici marinate con babà salato, mela annurca e salsa di arachidi, la candela con genovese di crostacei, limone Costa d’ Amalfi I.G.P. e maggiorana, oppure lo ‘Ndundero con patate allo zafferano e colatura di alici, una pasta tipica di Minori. Si vola alto con i piatti della tradizione napoletana, una selezione di 5 portate tra cui: sartù di riso con ragù napoletano e fonduta di provola; frittata di spaghetti con salame napoletano, mortadella e provolone; gateau di patate alla napoletana con chips di pane e basilico; parmigiana di melanzane e melanzana a barchetta con pomodoro, aglio, basilico e origano.

Sal De Riso: le pizze

Alla cucina si affianca poi la pizza, sempre declinata in chiave creativa come raccontato sul menu. Niente di troppo semplice, ma 15 proposte (tra gli 8 e i 15€) ispirate a Minori e alla costiera, realizzate dal pizzaiolo Giuseppe Giordano. Come la Tramonti nel cuore, con pomodori San Marzano, fior di latte e provola affumicata di Tramonti, melanzane a funghetti, pomodori datterini rossi e gialli, salsiccia; la Ravello con fior di latte, zucchine trifolate con cipolla bianca e basilico, scaglie di provolone del Monaco D.O.P., pancetta croccante e granella di mandorle tostate; oppure la Amalfi con fior di latte e provola affumicata, prosciutto crudo di Parma, carpaccio di limone Costa d'Amalfi marinato, burrata e zenzero fresco.

Il dessert al piatto e i dolci dalla vicina pasticceria

Si conclude in bellezza con 6 dessert al piatto, studiati da De Riso appositamente per quest’occasione. “Dentro c’è anche un dolce che facevo da ragazzino all’Hotel Caruso di Ravello, il soufflè al limone. Le altre invece saranno proposte stagionali”. Oltre a queste 6 portate, non mancano nemmeno le oltre 100 referenze della vicina pasticceria, i locali sono talmente contigui da permettere di far transitare le golose creazioni da un lato all’altro della barricata. De Riso ci tiene inoltre a sottolineare quello che ritiene un fiore all’occhiello del locale: la cantina, curata dalla moglie Anna De Nunzio, sommelier e appassionata come lui di vino. Lo spazio si vede al piano di sotto tramite un vetro nel soffitto, che permette di guardare gli scaffali ricolmi di etichette campane e italiane. Il locale è aperto tutto l’anno, sia a pranzo che a cena.

Sal De Riso Gourmet
Leggi il contenuto integrale su CiboToday

CiboToday è anche su Whatsapp, è sufficiente cliccare qui per iscriversi al canale ed essere sempre aggiornati

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

NapoliToday è in caricamento