Sicurezza

Anidride carbonica, Covid e ambienti chiusi: cosa sapere

Uno studio fa il punto sulla qualità dell'aria inalata con e senza le varie tipologie di mascherine, seduti e in movimento

Non sono stati pochi i dubbi sollevati sulla qualità dell'aria respirata attraverso le mascherine, ad iniziare da quelle chirurgiche fino a quelle cosiddette "sociali" o artigianali.

Per capire quale aria effettivamente viene respirata attraverso i vari dispositivi di protezione naso-bocca, l' Appa di Bolzano - l'equivalente dell'Arpa della regione Campania - ha realizzato un apposito studio, riassunto nelle 2 schede che seguono:   

AppaBZ-AmbienteInforma-CO2-reinalata-grafico1-2

- Percentuale di CO2 re-inalata al netto della CO2 ambiente. Valori medi (Fonte: Studio di Appa Bolzano) - 

Attraverso il Laboratorio di analisi dell'aria e radioprotezione, in particolare, l'Appa Bolzano ha quantificato la percentuale di CO2 re-inalata rispetto a quella espirata, prendendo in esame diverse tipologie di dispositivi di copertura naso-bocca: mascherina artigianalechirurgicaFFP2 o

AppaBZ-Ambiente-Informa-Confronto-espirato-inspirato-grafico2-3

- Nel grafico sono rappresentati i risultati delle misure di concentrazione di CO2 in ppm nell’aria inspirata al netto di quella dell’ambiente durante le prove da seduto (Fonte: Studio di Appa Bolzano) - 

KN95visiera e scaldacollo.
L’aria che espiriamo – spiega Luca Verdi, direttore del Laboratorio Analisi e radioprotezione – contiene un’elevata concentrazione di anidride carbonica (circa 40.000 ppm). Dallo studio è emerso che indossando un dispositivo di copertura naso-bocca si ha comunque un notevole ricambio d’aria che porta anche ad una consistente riduzione della concentrazione di CO2. Più precisamente la percentuale di anidride carbonica espirata che viene re-inalata varia da un minimo del 3% (visiera) a un massimo del 14% (mascherina artigianale).”

Alla luce dei dati sull’anidride carbonica, l’Appa ribadisce che i locali in cui soggiornano più persone vanno ventilati frequentemente, come del resto già raccomandato da tutti gli esperti del settore come misura di salvaguardia della salute, non solo dal coronavirus.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anidride carbonica, Covid e ambienti chiusi: cosa sapere

NapoliToday è in caricamento