Condominio e coronavirus: gli errori che non sai di commettere

Con il coronavirus si può entrare in contatto anche negli spazi condominiali come scale, cortili e ascensori. Le regole da seguire

In questo momento di grande diffusione del coronavirus è fondamentale prestare la massima attenzione ai comportamenti nei luoghi con accesso al pubblico, compresi gli spazi comuni dei condomini come ascensori, scale e cortili.

Ascensore

E' un luogo chiuso di dimensioni ridotte. E' ovvio quindi che non è assicurata una buona areazione nè il giusto distanziamento sociale. Bisogna quindi stare particolarmente in guardia. Sicuramente preferibile salire e scendere a piedi utilizzando le scale, dove c'è un maggior ricambio d'aria. Da evitare in ogni caso l'uso promiscuo, con persone non conviventi. 

Pulizie

Gli addetti alle pulizie del condominio devono indossare mascherine e guanti monouso e, preferibilmente, lavorare in orari di minor passaggio.

A scopo cautelativo, l’amministratore può decidere di far sanificare gli ambienti comuni una tantum o con cadenza periodica, ma non c’è alcun obbligo. La sanificazione deve essere effettuata da ditte specializzate, le uniche che possono rilasciare certificazione. Dal momento che la spesa  è a carico dei condomini, per evitare qualsiasi contestazione, sarebbe preferibile che l'assemblea deliberasse in merito in via preventiva .

Citofoni e cassette della posta

Citofoni, cassette della posta e missive varie sono soggetti ad essere toccati da una pluralità di persone: attenzione, quindi, a non portare le mani alla bocca o agli occhi dopo aver citofonato, ritirato la posta o toccato le maniglie del portone d'ingresso.

N.B.: la consegna della posta deve essere effettuata senza richiedere la firma e l’identificazione del destinatario avverrà verificando il nome sul citofono o il numero di cellulare. Per limitare i contatti, le lettere o i pacchi verranno lasciati nella buca delle lettere o nell’ascensore.

Lavori di manutenzione

Tutte gli interventi non urgenti possono essere rimandati.

Il portiere

Il portiere dovrà indossare la mascherina e rispettare la distanza di sicurezza.

Assemblee

Le assemblee, a meno di necessità improrogabili, possono essere rinviate. Se possibile, le riunioni potranno essere svolte in videoconferenza, partecipando ognuno da casa

Cosa fare se c’è un inquilino positivo al Covid-19 

Un condomino che risultasse positivo al coronavirus, non è obbligato a informare del proprio stato di salute l’amministratore o il portiere. Deve però, per legge, rispettare l'obbligo di isolamento domiciliare e avvertire le autorità sanitarie per il tracciamento dei contatti. 

Prodotti online

Mascherina monouso

Gel igienizzante mani

Colonnina a piantana con dispenser

Dispenser automatico da muro per gel disinfettante

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cabina armadio: tutti gli errori da non commettere

  • Aprono a Napoli i kipoint di Poste Italiane. A cosa servono e dove trovarli

  • Tutti i colori dell'albero di Natale e come evitare di cadere nel kitsch

  • Casa: come reagisce al lockdown d'autunno il mercato napoletano

  • Inquinamento domestico: a cosa prestare attenzione in casa

  • Inverno alle porte: come organizzare la casa per i nostri amici animali e a cosa fare attenzione

Torna su
NapoliToday è in caricamento