Sicurezza

Pulizia della piscina: a cosa prestare attenzione

All'aperto o interna, grande o piccola, la piscina richiede cura e pulizia sulla base di precisi passaggi. Ecco quali

ph Michelleraponi per Pixabay

La tecnologia sta rendendo la piscina sempre più accessibile, in termini di soluzioni oltre che di prezzo. Basta avere a disposizione un giardino o un terrazzo, la consulenza di un tecnico strutturista per verificare portata e capienza, e il gioco è fatto. Grande o piccola, all'aperto o al coperto, in ogni caso, la piscina richiede 

Manutenzione

Cura e pulizia consentono di mantenere la piscina efficiente e di non andare incontro a problemi. Ecco dunque come procedere: 

Manutenzione giornaliera

Ideale per le piscine fuori terra, va effettuata seguendo precisi passaggi:

  • Far funzionare il filtro per metà giornata
  • Controllare il livello dell’acqua, che non deve essere né troppo alto né troppo basso
  • Verificare il livello del pH (dovrebbe sempre essere compreso tra 7.4 e 7.6)
  • Testare il livello del cloro (tra 1 e 1.5 parti per milione)
  • Svuotare filtro e cestelli degli skimmer
  • Monitorare la pressione del filtro e le condizioni della pompa

Attenzione: la pompa deve restare attiva per almeno 12 ore, in modo da evitare la stagnazione dell’acqua, mentre il livello del cloro deve essere costante.

Il consiglio in più: con un pennarello indelebile segnate il livello della pressione del filtro pulito, in modo da capire quando è il momento più opportuno per intervenire.

Manutenzione settimanale

Si basa sui seguenti passaggi:

  • Utilizzare il retino per rimuovere residui
  • Verificare quanto è alta l’alcalinità (il livello ideale va da 80 a 120 parti per milione)
  • Pulire con cura la zona che circonda la piscina per favorire la pulizia della vasca
  • Utilizzare un alghicida che evita appunto la formazione di alghe, oltre a un prodotto per non far rovinare i metalli
  • Aggiungere delle pastiglie di cloro (2-4 a seconda delle esigenze)
  • Pulire il filtro quando la pressione è troppo alta

Attenzione: il pH è legato all’alcalinità che ne favorisce la stabilità.

Manutenzione mensile della piscina

La manutenzione mensile richiede:

  • Controllo dei livelli di calcio, i quali non devono essere più bassi di 200 e più alti di 400 parti per milione
  • Monitoraggio dell’acido cianurico che tende a depositarsi in acqua soprattutto durante i mancati utilizzi
  • Verifica della presenza di alghe sulla superficie o dietro le scalette e sui gradini
  • Pulizia della linea di galleggiamento 

Attenzione: se la pulizia viene effettuata con cadenza mensile, occorre soprattutto monitorare il calcio che dà la misura della durezza dell’acqua: se è troppo dolce si può formare schiuma.

L’acido cianurico, invece, è fondamentale perché stabilizza il cloro, mettendo al riparo dalla luce del sole: di solito è contenuto nelle pastiglie di cloro, ma è consigliabile sempre aggiungerne altre 30 ppm. Uno sgrassatore e una spugna morbida, infine, consentiranno di far splendere la linea di galleggiamento

Prodotti online

Cartuccia Filtro

Sfere per filtrazione 

Filtro per piscina

Piscina con pompa-filtro

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pulizia della piscina: a cosa prestare attenzione

NapoliToday è in caricamento