Inverno alle porte: come organizzare la casa per i nostri amici animali e a cosa fare attenzione

I 10 migliori consigli della Lndc-Lega Nazionale per la protezione degli animali per consentire ai nostri pelosi di affrontare al meglio freddo e pioggia. Dalla collocazione della cuccia al materiale per la ciotola dell'acqua

La Lega nazionale per la protezione degli animali, in collaborazione con l'azienda Prolife, ha redatto un vero e proprio decalogo per consentire ai nostri amici di pelo di affrontare senza problemi l'inverno che sta per portare anche nella nostra città freddo e pioggia. Sono tantissimi infatti gli animali, in particolare i randagi, che non riescono a sopravvivere alla rigida temperatura della stagione fredda.

E' bene sapere, innanzitutto, che non tutti i quattro zampe sono temprati per i rigori del clima invernale. Se infatti i cani di grossa taglia, per la loro maggiore massa corporea, riescono a mantenere a lungo il calore, i cani più piccoli e in particolare le razze a pelo corto o gli esemplari più esili e gli anziani, hanno invece decisamente bisogno di aiuto.

Gatti e cani che vivono all'aperto, inoltre, devono avere un luogo asciutto e senza correnti dove rifugiarsi in caso di pioggia e durante la notte.

Ecco quindi cosa prescrive il Decalogo della Lndc

  1. Alimentazione: può fare la differenza. Con l’abbassarsi delle temperature, infatti, come le persone anche gli animali hanno bisogno di più calorie. In particolare, i gatti che vivono all’aperto hanno bisogno di una dieta ricca di nutrienti, grassi e proteine, dall’elevato profilo qualitativo, per non perdere peso utilizzando le riserve corporee come “carburante” per scaldarsi. Non dimentichiamo mai, dove possibile, di mettere una ciotola di cibo e di acqua vicino alla nostra abitazione e di portare qualche indumento vecchio, invece di gettarlo, ai pelosi ospiti di canili e gattili
  2. Riparo: i cani o gatti che vivono all’aperto devono sempre avere un luogo asciutto, al riparo dalle correnti, in cui potersi rifugiare. La cuccia deve essere sempre sollevata di qualche centimetro da terra, possibilmente con l’entrata in direzione opposta a quella in cui solitamente soffia il vento. Il pavimento della cuccia dovrà essere ricoperto con una coperta di lana che dovrà essere regolarmente cambiata, soprattutto dopo che ha piovuto. Nei casi in cui il freddo è davvero pungente, è consigliabile coibentare la cuccia con appositi materiali
  3. Cura: spazzolare il peloso stimola la circolazione sanguigna e un adeguato rinnovo del sottopelo che garantisce maggiore protezione nei mesi invernali. Se l'amico a quattro zampe si è bagnato a causa della pioggia o della neve è importante asciugarlo bene, soprattutto le zampe e tra le dita, dove possono rimanere i cristalli di ghiaccio che potrebbero contenere sostanze tossiche presenti nelle soluzioni antigelo, nocive per l’animale. Anche il sale può creare serie irritazioni ai polpastrelli.
  4. Maggiore attenzione di notte: il freddo della notte può essere letale per gli animali meno forti. I soggetti anziani e/o malati, i cani di taglia piccola, specie se a pelo raso, vanno maggiormente protetti e non dovrebbero essere lasciati all’aperto, soprattutto di notte.
  5. Occhio all’acqua: se la ciotola è all'aperto, l'acqua potrebbe congelarsi. Va quindi controllata e cambiata spesso. D'inverno meglio recipienti in plastica, perché il metallo conduce il freddo più rapidamente.
  6. Mai solo in auto: come i bambini, i cani e i gatti non vanno assolutamente lasciati da soli in auto. La vettura infatti d'estate si trasforma in un forno mortale e d'inverno in un frigorifero altrettanto letale.
  7. Mai solo in garage: per cani e gatti il garage è un luogo estremamente pericoloso, soprattutto se il radiatore perde liquido: contenente antigelo, glicole propilenico colorato e trattato, è di sapore dolciastro, per questo cani e gatti lo lappano con golosità ma è altamente velenoso.
  8. Non lasciate mai apparecchi elettrici (stufette portatili, cuscinetti termici, scaldini elettrici , etc.) incustoditi : cani, gatti e conigli potrebbero masticare i cavi elettrici e restare fulminati.
  9. Se c'è neve non perdere mai di vista il tuo cane: potrebbe perdere le tracce di odore e smarrirsi
  10. Bussa alla porta: d'inverno, prima di mettere in moto l'auto, controlla sempre che non ci siano animali sotto o all’interno del passaruota. Sarà sufficiente dare un paio di colpi con le nocche sullo sportello prima di salire, in modo da consentire a eventuali ospiti in cerca di un po' di calore di allontanarsi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superattico da sogno con vista a 360° su Napoli

  • Cabina armadio: tutti gli errori da non commettere

  • Come mantenere in ordine il bagno senza stress

  • Aprono a Napoli i kipoint di Poste Italiane. A cosa servono e dove trovarli

  • Tutti i colori dell'albero di Natale e come evitare di cadere nel kitsch

  • Casa: come reagisce al lockdown d'autunno il mercato napoletano

Torna su
NapoliToday è in caricamento