rotate-mobile
Mercoledì, 29 Giugno 2022
Ristrutturare

Ristrutturare casa: quali sono gli interventi agevolati per la "riqualificazione energetica"

Come richiedere e a quanto ammonta l'agevolazione

L'ecobonus è l'agevolazione fiscale che la legge ha prorogato fino al 31 dicembre di quest'anno.

Gli interventi che rientrano nell'agevolazione

L'ecobonus copre gli interventi realizzati per aumentare l’efficienza energetica degli edifici:

  • riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento;
  • miglioramento termico dell’edificio mediante coibentazioni, pavimenti e finestre, compresi gli infissi;
  • installazione di pannelli solari;
  • sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.

La detrazione spetta anche per:

  • sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con apparecchi ibridi costituiti da pompa di calore integrata con caldaia a condensazione;
  • acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili;
  • acquisto,installazione e messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda o climatizzazione delle unità abitative;
  • acquisto e posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti;
  • acquisto di generatori d’aria calda a condensazione;
  • acquisto e la posa in opera di schermature solari.

Come richiedere l'agevolazione

L’agevolazione può essere richiesta per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2021. Per fruire dell’agevolazione è necessario che gli interventi siano eseguiti su unità immobiliari o edifici esistenti. 

A quanto ammonta l'agevolazione

La detrazione è pari al 65% o al 50%. La variazione della percentuale detraibile dipende dal tipo di intervento, dall’anno in cui è stato effettuato e dalla tipologia di immobile (singola unità immobiliare o edificio condominiale).

Cessione del credito e opzione per lo sconto

L'ammontare complessivamente spettante in detrazione va ripartito in 10 rate annuali di pari importo da portare a scomputo dell'Irpef dovuta. 

Ai sensi dell’articolo 121 del decreto-legge n. 34 del 2020, chi ha pagato interventi di riqualificazione energetica negli anni 2020 e 2021 può scegliere di non utilizzare direttamente la detrazione ma optare per un contributo, sotto forma di sconto sul corrispettivo dovuto, fino a un importo massimo pari al corrispettivo stesso per la cessione di un credito d’imposta di pari ammontare, ovvero cedere l'intero credito verso l'erario per la detrazione spettante.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ristrutturare casa: quali sono gli interventi agevolati per la "riqualificazione energetica"

NapoliToday è in caricamento