Domenica, 21 Luglio 2024
Casa

A Napoli si stanno vendendo poche case: i possibili motivi

L’analisi di Abitare Co.

Rallenta il mercato immobiliare residenziale in Italia. Nei primi tre mesi dell’anno è calato del -7,2% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con 154.770 compravendite. Napoli è tra le città in cui il calo è più sensibile: guida la classifica Milano (-13,2% e 5.141 transazioni), seguita da Torino (-10,2% e 3.193 transazioni), Roma (-6,9% e 7.703 transazioni), Genova (-6,7% e 1.898 transazioni), Firenze (-5,9% e 1.137 transazioni), Palermo (-5,7% e 1.508 transazioni), appunto Napoli (-4,4% e 1.868 transazioni) e Bologna (-1,8% e 1.241 transazioni).

Inoltre, se si considerano esclusivamente le nuove abitazioni vendute nelle grandi città (1.624 in totale), la quota non arriva al 7% rispetto al totale delle vendite, con un calo delle transazioni del -23% rispetto allo stesso periodo del 2023. A Napoli in particolare la quota di case nuove è solo dell’1,9%.

L’analisi è di Abitare Co., società di intermediazione e servizi immobiliari specializzata in nuove costruzioni.

Tra le principali motivazioni della frenata, si segnalano la mancanza di offerta di nuove case e ad alta efficienza energetica, l’incertezza sulle prospettive della propria situazione economica e il calo del potere d’acquisto, il segno negativo degli investimenti nel residenziale (-35% nel I trim. 2024) e il ritiro dal mercato di immobili ristrutturati con il Superbonus per la maggiore tassazione dovuta alle eventuali plusvalenze.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Napoli si stanno vendendo poche case: i possibili motivi
NapoliToday è in caricamento