Contributo all'affitto: come presentare la domanda a Napoli

Le indicazioni per chiedere i contributi all'affitto messi a disposizione dalla Regione Campania

Vanno presentate esclusivamente in via telematica le domande per i contributi regionali al pagamento del canone di locazione. Attenzione: il bando scade a mezzanotte del 13 marzo 2020.

Il Comune di Napoli, sul proprio sito, ha pubblicato l'informativa completa di bando e  link.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“La casa, come il lavoro – spiega l'Assessore con la delega alle Politiche per la Casa Monica Buonanno - è una componente fondamentale per la dignità e la qualità della vita delle persone. La crisi economica e la rigidità del mercato immobiliare impattano negativamente sulla stabilità delle famiglie, aggravando la situazione di chi si trova già in una condizione di fragilità sociale. Per questo motivo, l'Amministrazione comunale - Servizio Politiche per la Casa, con determina n.2 del 4.2.2020, ha preso immediatamente atto del bando per l'assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione. È possibile accedervi esclusivamente online, in quanto gestito direttamente dalla Regione e le risorse complessivamente stanziate saranno ripartite in proporzione alle domande provenienti dai cittadini residenti nei Comuni. Successivamente – chiarisce l'assessore - la Regione provvederà a trasferire a ciascun Comune l’elenco degli aventi diritto al contributo per la verifica documentale dei requisiti dichiarati on-line e la materiale erogazione del contributo stesso. Invito tutti i cittadini interessati a partecipare, perchè la casa è il diritto fondamentale di ogni uomo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus e animali domestici: gli errori da non commettere

  • Coronavirus e mercato immobiliare: "La casa resta bene rifugio anche durante la pandemia"

  • Gli alloggi disponibili in città per il personale medico-sanitario impegnato in prima linea

  • Arriva l'app per monitorare a casa i pazienti Covid

Torna su
NapoliToday è in caricamento