Arriva l'app per monitorare a casa i pazienti Covid

A mettere a punto la app un pool di imprese della Campania e del Trentino con il Cise della CCIAA Emilia Romagna. Obiettivo: rispondere alle esigenze di prevenzione, monitoraggio e assistenza nella fase dell'emergenza

Un pool di imprese della Campania e del Trentino con il CISE, azienda speciale della Camera di Commercio della Romagna, ha messo a punto una app che consente di monitorare nella propria abitazione i pazienti CoVid o persone in condizioni di fragilità e rischio come anziani e immunodepressi.

L'applicazione, presentata al Ministero per l'industria, rende possibile in particolare, raccogliere e analizzare a distanza i dati biometrici, rilevando tempestivamente eventuali criticità e, nel caso, attivando in automatico le unità sanitarie preposte all’assistenza domiciliare.

SMARTYS-COVID19, questo il nome dell'app, è inoltre integrabile con vari dispositivi come, ad esempio, le bombole di ossigeno per la respirazione assistita e consente un controllo affidabile 24 ore su 24, 7 giorni su 7. “Si tratta – spiega il presidente CISE Giuseppe Romano - di dispositivi indossabili, sensoristica ambientale, un’App e una piattaforma centralizzata con funzioni di middleware, che di seguito consenta l’analisi integrata del dato. Un progetto finalizzato all’aiuto e al sostegno concreto, nell’ambito della salute, che in questo momento epocale deve affrontare diffuse criticità. L'auspicio è di poter alleggerire significativamente il carico critico delle strutture sanitarie".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In vendita a Capri la villa di Christian De Sica

  • Napoli: il mercato immobiliare frena più che nel resto d'Italia. Le quotazioni delle diverse zone

  • Mercato delle locazioni: cosa sta succedendo a Napoli e nelle altre gradi città

  • Come trasformare una finestra in balcone è il sogno di molti. Ecco come fare

  • Parco del Gasometro si farà e sarà fruibile entro quest'estate

  • Voltura e subentro: qual è la differenza e cosa sapere

Torna su
NapoliToday è in caricamento