rotate-mobile
Arredare

Vino: come conservarlo bene in casa

Temperatura ed esposizione alla luce possono rovinare irrimediabilmente anche il vino migliore.

Gli amanti del vino sanno bene che non è sufficiente acquistare un'ottima bottiglia per bere poi un ottimo vino: è infatti necessaria una conservazione accurata, che tenga conto di tutti gli elementi che possono danneggiare il contenuto, a partire dalla luce e, soprattutto, dal calore. Per durare nel tempo, infatti, il vino richiede massima attenzione alla temperatura di conservazione. 

Come conservare il vino in casa

Ideale per il vino è un ambiente lontano dalla luce diretta e dal calore del sole, così come da vapori generati da cucina o elettrodomestici e, soprattutto, da brusche escursioni termiche.  Meglio dunque evitare la cucina come anche salotto e, ovviamente, lavanderia o bagni.

Le caratteristiche dell'ambiente ideale per conservare il vino sono:

  • Temperatura: da monitorare con un termometro, deve andare da un minimo di 10 a un massimo di 14 gradi. Fondamentale è che non ci siano brusche variazioni e che resti quanto più possibile costante
  • Umidità: da monitorare con un igrometro, deve essere intorno all’80%
  • Areazione: l'areazione è necessaria per evitare la formazione di muffe e cattivi odori
  • Illuminazione: il vino in bottiglia non devono essere esposto alla luce, sia naturale che artificiale. Il buio culla il vino ma, ovviamente, una fonte di luce è necessaria per muoversi nell'ambiente in sicurezza
  • Odori: se il vino è in botte, odori forti e persistenti potrebbero essere assorbiti
  • Vibrazioni: le bottiglie devono essere al riparo da rumori e movimenti che ne possono alterare la qualità: devono quindi essere posizionate in modo da evitare di spostarle continuamente

Portabottiglie: il materiale ideale

La scelta del materiale con cui realizzare gli scaffali su cui poggiare le bottiglie non è solo estetica: il materiale migliore è il legno perché è un isolante. Scaffali in metallo trasmetterebbero, invece, calore o freddo imprimendo brusche variazioni alla temperatura di conservazione.

Come posizionare le bottiglie di vino

Dei divisori tra una bottiglia e l’altra assicurano stabilità ed evitano incidenti da contatto.

La sistemazione delle bottiglie deve seguire uno schema preciso: gli esperti consigliano di posizionare nella parte bassa spumanti e vini bianchi perché hanno bisogno di una temperatura più bassa. I rossi vanno invece nella parte più alta, dove la temperatura è più calda.

Attenzione: i vini da far invecchiare devono essere posizionati sempre orizzontalmente, ma con il collo leggermente rialzato.

I vini liquorosi, infine, vanno sisteati verticalmente perché sono quelli da consumare prima.

Prodotti online

Termometro da interno

Igrometro

Cantinetta portabottiglie in legno

Cantinetta portabottiglie in legno di noce

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vino: come conservarlo bene in casa

NapoliToday è in caricamento