Le piante che in casa non dovrebbero mai mancare

5 ottimi motivi per "adottare" una pianta grassa

Resistenti e facili da curare, le piante grasse richiedono davvero pochissime attenzioni e danno carattere ad angoli e scaffali. E' per questo che sono amate dagli interior designers e dagli appassionati di home decor. Ma ci sono altri 5 ottimi motivi per avere in casa una o più piante grasse. Eccoli:

  1. Aria più pulita Una ricerca della Nasa ha dimostrato che le piante grasse sono in grado di purificare l’aria, eliminando le tossine e rimuovendo fino all'87% dei composti organici volatili (COV) ovvero i principali responsabili dell’inquinamento indoor come il benzene e la formaldeide, presenti in tantissimi prodotti di uso quotidiano: cosmetici, detersivi, inchiostri, tappeti e moquette. Le piante grasse, in particolare l’aloe e la sansevieria (nota anche come lingua di suocera) ne favoriscono lo smaltimento.
  2. Ricarica di ossigeno Per il processo di fotosintesi, tutte le piante rilasciano ossigeno durante il giorno, e anidride carbonica di notte. Le piante grasse invece (come anche le orchidee e le palme areca) producono continuamente ossigeno, sia di giorno che di notte: sono quindi perfette anche per la camera da letto, assicurando costantemente aria fresca e pulita.
  3. Più concentrazione Numerose ricerche hanno dimostrato che la presenza di piante grasse nell'ambiente di studio o di lavoro migliora i livelli di attenzione e le capacità cerebrali e aiuta la memoria a essere più efficiente del 20%.
  4. Meno malattie Uno studio condotto dalla Agricultural University of Norway ha rilevato una diminuzione del 60% dei tassi di malattia negli uffici dove ci sono piante grasse. Aiutano infatti a regolare l’umidità e quindi a prevenire raffreddore, tosse secca, mal di gola e pelle screpolata.
  5. Guarigione più rapida Le piante grasse non solo aiutano ad ammalarsi di meno, ma consentono di recuperare più rapidamente forze ed energie: lo dicono i ricercatori della Kansas State University che hanno condotto una ricerca che dimostra che le piante di questo tipo contribuiscono a ridurre sintomi influenzali, mal di testa, febbre, tosse, affaticamento e ansia
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zanzare: tutti i migliori rimedi naturali

  • Come eliminare la ruggine da cancelli e inferriate

  • Piano cottura a induzione: i pro e i contro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento