Le migliori cappe da cucina

Resa obbligatoria per legge, la cappa oggi è un elettrodomestico sempre più smart che arreda

Per evitare di affumicare casa e familiari preparando un arrosto gourmand o, peggio, di "profumare" di fritto o cipolla ambienti e vestiti, è fondamentale che la cucina sia dotata di un efficiente sistema aspirante. L'elettrodomestico che libera l’ambiente da fumi, vapori e agenti inquinanti è la "cappa",  ormai divenuta obbligatoria per legge e trasformata dai migliori designer in un vero e proprio elemento d'arredo, grazie anche all'impiego per i rivestimenti di materiali come il cristallo o l'acciaio che si aggiungono ai più tradizionali alluminio e muratura, oltre ad essere sempre più smart.  

Le caratteristiche della cappa

Per essere a norma la cappa deve

  • avere larghezza uguale o superiore al piano cottura: le dimensioni consigliate vanno dai 60 ai 120 cm;
  • essere montata ad una distanza dai fornelli oscillante tra i 65 e i 90 cm, in base al tubo per l’evacuazione dei fumi.
  • avere una rumorosità compresa tra 50 e 70 decibel.

In commercio esistono due tipologie di cappa:

  • aspirante: l’aria passa attraverso un sistema di filtri antigrasso, realizzati in alluminio o acciaio, per entrare quindi nella canna fumaria e essere dispersa all’esterno;
  • filtrante: per le cucine prive di un tubo di ventilazione verso l’esterno. Convoglia fumi e vapori della cucina e restituisce aria purificata. La normativa vigente richiese che sia abbinata a elettroventilatori, che garantiscono un ricambio dell’aria più efficiente. I filtri più funzionali ed efficienti sono quelli a carbone attivo.

Tipologie di cappe da cucina

Sul mercato sono facilmente reperibili diversi modelli, in grado di soddisfare gusti personali e, soprattutto, il tipo di cucina :

  • a parete: detta anche a camino per la forma, è indicata per le cucine che si sviluppano lungo il muro. Le più nuove sono in acciaio inossidabile, dal design decisamente elegante;
  • a isola: sospesa e ancorata al soffitto, è pensata per le cucina con piano cottura installato nell’isola;
  • a incasso: non dissimile da quella a parete, si caratterizza per essere mimetizzata dal rivestimento, identico alle ante dell'arredamento della cucina, per questo viene chiamata anche cappa sottopensile.

Installazione e manutenzione della cappa

Il corretto funzionamento della cappa è fondamentale per liberare la cucina dagli agenti inquinanti. Per funzionare al meglio l’installazione deve essere realizzata da personale specializzato.

Le modalità di manutenzione sono legati alla tipologia di filtri: se a carboni devono essere sostituiti almeno ogni tre mesi; i filtri metallici invece vanno lavati con identica periodicita e apposito detergente.

Prodotti online

Cappa aspirante 60 cm

Cappa aspirante sottopensile

Cappa sospesa

Cappa inclinata

Cappa con filtro a carboni attivi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Villa mozzafiato in vendita a Marechiaro

  • Torre stile liberty con vista mozzafiato e giardino in vendita a 5 minuti dal mare di Posillipo

  • Divano: a cosa fare attenzione prima di procedere all'acquisto

  • In vendita Villa Nike, conosciuta anche come la Villa degli ammiragli: vista mozzafiato e accessori hollywoodiani

  • Quasi 4 milioni di euro per ristrutturare il Maestoso di Barra: il progetto

  • Acqua, in Campania congelata la tariffa: ecco fino a quando

Torna su
NapoliToday è in caricamento