Arredare

Come rinnovare il look di casa con il washi tape

Viene dal Giappone l'idea più economica e innovativa per cambiare aspetto alla tua casa

Per chi è in cerca di novità per la casa come per chi vuole personalizzare l'appartamento ed è a corto di busget, l'idea più interessante si chiama washi tape  e arriva dal Giappone. Il washi tape consente di decorare qualsiasi ambiente in pochissimo tempo, da soli, senza costi di manodopera, in maniera completamente reversibile e in più divertendosi.

Cos'è il washi tape Il termine deriva da wa, che significa giapponese, e shi che significa carta: indica la carta tipica dei bricolage giapponesi, come l’origami, che con l'aggiunta di un particolare adesivo,che consente di applicarla facilmente a qualsiasi superficie e con altrettanta facilità staccarla, diventa, appunto, washi tape. Il washi tapevquindi altro non è che uno speciale nastro adesivo  realizzato (per lo più) in fibre naturali come canapa, bambù o corteccia, e in varie dimensioni, colori, fantasie e decori compresi i glitter.

Utilizzi Le possibilità  di utilizzo dei washi tapes sono praticamente infinite: unico limite la fantasia!

Dal punto di vista pratico, la sua caratteristica più interessante - oltre ai materiali e alle fantasie - è la possibilità di attaccarlo e staccarlo senza rovinare intonaco, pittura, parati o rivestimenti di qualsiasi tipo, reinventando ogni volta che si vuole lo stile della casa e degli oggetti.

I  washi tapes, solo per fare qualche esempio, possono essere utilizzati come cornice per attaccare al muro foto o poster, come decorazione pura per creare sulle pareti sagome, profili etc., per dare un tocco in più a mobili o complementi d'arredo divenuti ormai vecchi come cassettiere, lampade, spalliere dei letti, etc e anche per realizzare biglietti di auguri, scrapbooking di album dei ricordi, pacchi regalo e tanto altro compresi tableu e partecipazioni di nozze.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come rinnovare il look di casa con il washi tape

NapoliToday è in caricamento