Vomero

Vomero: un altro sabato tra traffico e spazzatura.Immagini del degrado da uno dei quartieri più belli di Napoli

Chi si aspettava che la presenza di una delle tante fiere alimentari che, da un poco di tempo a questa parte, invadono i tratti pedonali di via Scarlatti e di via Luca Giordano, comportasse una maggiore attenzione sia verso i problemi del traffico, dopo la paralisi registratasi sabato scorso, sia verso i problemi causati dalla permanenza in strada dei rifiuti a tutte le ore del giorno, è rimasto fortemente deluso

" Chi si aspettava che la presenza di una delle tante fiere alimentari che, da un poco di tempo a questa parte, invadono i tratti pedonali di via Scarlatti e di via Luca Giordano, comportasse una maggiore attenzione sia verso i problemi del traffico, dopo la paralisi registratasi sabato scorso, sia verso i problemi causati dalla permanenza in strada dei rifiuti a tutte le ore del giorno, è rimasto fortemente deluso ". Esordisce così Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che ha realizzato un ricco dossier fotografico su quanto si è verificato anche in questa mattinata al Vomero.

            " Partiamo dalla viabilità - puntualizza Capodanno -. In assenza anche oggi della necessaria vigilanza,  in via Stanzione, nodo cruciale per il traffico vomerese, si sono osservate le solite autovetture parcheggiate in seconda fila che hanno di fatto ridotto la carreggiata a una sola corsia, costringendo gli automobilisti a procedere in fila indiana, la qual cosa, vista la notevole mole di veicoli che percorrono detta arteria, ha generato file che si  sono estese, lungo la direttrice, fino a via Bernini e, dall'incrocio con via Merliani, fino a piazza degli Artisti ".

            "Non è andata meglio in relazione alla presenza di cumuli di spazzatura abbandonati in strada in pieno giorno - continua Capodanno -. In piazza Vanvitelli, proprio all'uscita della stazione del metrò collinare, anche stamani si osservano sacchi d'immondizia oltre imballaggi vari abbandonati. Di certo un pessimo biglietto da visita sia  per i napoletani sia per i turisti che stamani sono arrivati nel quartiere collinare, anche richiamati dalla fiera in atto ".

            " Analoghi problemi si  registravano nelle isole pedonali, dove la spazzatura era presente in più punti - prosegue Capodanno -. Difatti i pochi cestini per i rifiuti rimasti, già dalla prime ore, erano pieni. Al riguardo, sarebbe stato opportuno istituire un apposito servizio continuo da parte dell'azienda, per poter provvedere, alla bisogna, al loro immediato svuotamento, in modo da evitare che i rifiuti in eccesso invadessero il tratto di carreggiata circostante. Inoltre si notavano diversi cumuli d'immondizia. Uno in particolare nei pressi dell'incrocio tra via Luca Giordano e via Scarlatti, a pochi passi dagli stand dove venivano esposti e venduti i prodotti alimentari ".

            " Gli unici che gongolavano - aggiunge Capodanno - erano i tanti venditori abusivi che affollano, da tempo, le isole pedonali, e che, quest'oggi, immaginando un notevole afflusso di persone, richiamate dalla fiera, si sono presentati anche in numero maggiore, affliggendo i  passanti con la loro petulanza e maleducazione, con particolare riferimento ai venditori di calzini, che oramai, grazie all'assenza dei necessari controlli e dei provvedimenti consequenziali, sono diventati di fatto parte integrante del commercio abusivo vomerese: una presenza fissa quanto sgradita che ha causato più volte anche alterchi e liti, assurte pure alla ribalta delle cronache, proprio a ragione dell'arroganza e della prepotenza dei venditori nei confronti dei passanti ".

Vomero

Il quartiere collinare visto da Gennaro Capodanno, ingegnere e a lungo consigliere della circoscrizione. Negli ultimi anni ha costituito diversi comitati per sostenere le battaglie comuni insieme ai cittadini della zona. Tra questi il Comitato per il trasporto pubblico e il Comitato Valori collinari, dei quali è presidente.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
NapoliToday è in caricamento