Vomero

Vomero: Sistemata la segnaletica in via De Mura

Una prima significativa vittoria, ma c’è ancora molto da fare

 

La battaglia che sto portando avanti da un poco di tempo a questa parte per fa sì che gli uffici comunali competenti sistemino una volta e per tutte a segnaletica verticale nel capoluogo partenopeo, con particolare riguardo al quartiere collinare del Vomero, comincia a dare i suoi frutti con una prima significativa vittoria. Infatti nei giorni scorsi avevo segnalato una palina in via Francesco De Mura, che riportava, sullo stesso supporto, sia le tabelle che consentivano la sosta oraria sia il segnale di divieto di sosta. Ieri finalmente ho potuto osservare che è stato rimosso il segnale di sosta vietata, eliminando così l’assurda situazione che si era creata per gli automobilisti.

Resta il dato che in base ad un’indagine, i cui risultati sono stati pubblicati di recente, condotta a campione da Assosegnaletica, un’associazione nella quale confluiscono i produttori di segnaletica stradale, la segnaletica stradale italiana sarebbe tra le peggiori d'Europa dal momento che un segnale su due non sarebbe a norma perché non conforme, obsoleto o scaduto. Nel capoluogo partenopeo la situazione risulterebbe ancora più drammatica, dal momento che i segnali irregolari risulterebbero essere pari al 69%. In pratica  7 segnali stradali su 10 sarebbero irregolari.

In Città restano ancora numerosi gli esempi di segnali sbagliati. Per questo continuerò nella mia iniziativa tesa ad correggere tutte quelle situazioni che risultassero  in aperta violazione, tra l’altro, delle norme del vigente codice della strada.

Vomero

Il quartiere collinare visto da Gennaro Capodanno, ingegnere e a lungo consigliere della circoscrizione. Negli ultimi anni ha costituito diversi comitati per sostenere le battaglie comuni insieme ai cittadini della zona. Tra questi il Comitato per il trasporto pubblico e il Comitato Valori collinari, dei quali è presidente.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
NapoliToday è in caricamento