Vomero

Vomero: Scompaiono i gazebo in piazza Vanvitelli

Un passo importante per la riqualificazione urbanistica dell’area

 

 

 

 

            Dopo che, negli anni scorsi, erano stati al centro, insieme ad altri posti in vari quartieri di Napoli, di un intervento della Magistratura, a seguito del quale erano stati sottoposti a sequestro, in questi giorni sono stati eliminati tutti i gazebo presenti in una delle più belle piazze di Napoli, piazza Vanvitelli. Tutto ciò nell’ambito di un progetto più ampio per il recupero urbanistico ed architettonico della piazza simbolo del quartiere collinare del Vomero.

            Dopo l’affidamento in adozione delle aiuole della piazza, avvenuto nei giorni scorsi al fine di evitare che, come accaduto in un recente passato, per l’inciviltà dei frequentatori, si trasformino in vere e proprie pattumiere, la scomparsa dei vari gazebo, di diversa forma, colore e materiali che erano stati realizzati in tempi diversi, di pari passo con l’apertura di nuovi pubblici esercizi, rappresenta un ulteriore passo avanti rispetto al recupero e alla riqualificazione urbanistica ed architettonica di una piazza la cui costruzione risale agli anni ’80 del secolo diciannovesimo, con i suoi quattro palazzi in stile neorinascimentale.

            Liberato anche il palo della pubblica illuminazione che per anni era stato inglobato in una di queste strutture, fuoriuscendo dalla copertura. Peraltro la piazza ha, nel complesso, acquistato una nuova luminosità che ci auguriamo permanga anche in futuro, limitando, nel rispetto delle vigenti normative e laddove strettamente necessario, le eventuali autorizzazioni per occupazioni stagionali a pochi tavoli e sedie, con spazi ben delineati e riconoscibili sulla pubblica via, in armonia con lo stile complessivo  dell’area e senza arrecare intralcio al notevole passaggio pedonale, alimentato anche dalla presenza delle uscite del metrò collinare.

            Intanto continueremo a richiedere che al centro della piazza venga posta una nuova palma, al posto di quella morta due anni or sono a seguito dell’attacco del famigerato punteruolo rosso. Un apposito gruppo, costituito da circa 800 iscritti,  fondato su Facebook al link https://www.facebook.com/group.php?gid=269024628412 chiede da tempo che la storica pianta, risalente agli anni ’30 e scomparsa, prima della morte, solo durante il periodo della realizzazione della stazione della linea 1 della metropolitana, venga sostituita con un’altra della stessa famiglia, anche se di genere e di specie diverse, tale da non essere attaccabile dal parassita che ha ucciso la precedente rimasta nel ricordo e nel cuore di tanti napoletani.

 

Gennaro Capodanno

gennarocapodanno@gmail.com

 

 

 

Vomero

Il quartiere collinare visto da Gennaro Capodanno, ingegnere e a lungo consigliere della circoscrizione. Negli ultimi anni ha costituito diversi comitati per sostenere le battaglie comuni insieme ai cittadini della zona. Tra questi il Comitato per il trasporto pubblico e il Comitato Valori collinari, dei quali è presidente.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
NapoliToday è in caricamento