Vomero

Vomero: s'infittisce il mistero delle panchine rotte o scomparse. L'ultima "vittima" in via Luca Giordano

Negli ultimi tempi gli abitanti della collina partenopea sono alle prese con un vero e proprio mistero, un giallo che riguarda il già precario arredo urbano delle isole pedonali di via Scarlatti e di via Luca Giordano, strada quest’ultima dove, peraltro, dopo circa due anni, non sono stati ancora completati i lavori di riqualificazione, che dovevano invece già terminare il 2 novembre dell’anno scorso. Il giallo riguarda la scomparsa di alcune panchine, ma anche di alcuni cestini portarifiuti.

Negli ultimi tempi gli abitanti della collina partenopea sono alle prese con un vero e proprio mistero, un giallo che riguarda il già precario arredo urbano delle isole pedonali di via Scarlatti e di via Luca Giordano, strada quest’ultima dove, peraltro, dopo circa due anni, non sono stati ancora completati i lavori di riqualificazione, che dovevano invece già terminare il 2 novembre dell’anno scorso. Il giallo riguarda la scomparsa di alcune panchine, ma anche di alcuni cestini portarifiuti.

            " Nei giorni precedenti alla scomparsa della singola panchina, realizzata con un telaio in ghisa e assi trasversali di legname, si assiste, in genere, all'improvvisa rottura della panchina, rottura che riguarda per lo più i sostegni dello schienale - afferma Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che da tempo segue questa emblematica vicenda -. Poi nei giorni seguenti la panchina viene rimossa e non più sostituita, lasciando però sulla pavimentazione la traccia della passata presenza ".

            “ La prima panchina a sparire fu quella all’altezza del civico 147 di via Scarlatti, dove un tempo vi era uno storico fioraio e dove attualmente c'è un negozio di golosità con tavolini e sedie, posti dinanzi allo stesso esercizio - ricorda Gennaro Capodanno -. Successivamente ne sono sparite, sempre nell’isola pedonale di via Scarlatti, altre tre, poste rispettivamente all’altezza dei civici 97, 130, e 181 “.

            “ Eppure, nonostante le proteste e le segnalazioni, nulla si è più saputo circa le suddette sparizioni né le panchine in questione risulta che siano state successivamente ripristinate – sottolinea Capodanno -. Dopo alcuni mesi però il mistero delle panchine si è trasferito anche alla limitrofa via Luca Giordano. In tale strada, all’altezza del civico, 96, dove in tempi più recenti ha aperto un bar, anch'esso con dinanzi tavolini e sedie, la panchina è sparita all'improvviso dalla sera alla mattina “.

            " Ma non è finita qui - puntualizza Capodanno - perché a pochi passi da quest'ultima panchina, dinanzi al civico 94, in questi giorni un'altra panchina è rotta, presentandosi con uno dei due supporti in ghisa dello schienale spezzato, lesionata al punto che, per sicurezza, l'area interessata è stata anche oggetto di un transennamento provvisorio ".

            " Di certo il supporto in ferro non si è spezzato da solo - prosegue Capodanno - Potrebbe trattarsi di un atto vandalico, cosa che andrebbe appurata, visto peraltro che, a pochi passi, all'incrocio tra via Luca giordano e via Scarlatti si trova una delle telecamere della videosorveglianza, che certamente avrà registrato la scena ".

            " In attesa delle indagini del caso, tese a individuare eventuali responsabilità sulla rottura e sulla sparizione delle panchine, cosa che ci auguriamo questa volta avvenga con solerzia e celerità - continua Capodanno -  sollecitiamo ancora una volta l’amministrazione comunale di Napoli  a far ripristinare in tempi rapidi le panchine scomparse o rotte, come quest'ultima segnalata, aggiungendone, possibilmente, anche altre, vista la forte richiesta di tale tipologia di arredo urbano, che si registra nei tratti destinati a isole pedonali, provvedendo nel contempo anche ad aumentare il numero di cestini portarifiuti, diversi dei quali anch'essi misteriosamente scomparsi ".

Vomero

Il quartiere collinare visto da Gennaro Capodanno, ingegnere e a lungo consigliere della circoscrizione. Negli ultimi anni ha costituito diversi comitati per sostenere le battaglie comuni insieme ai cittadini della zona. Tra questi il Comitato per il trasporto pubblico e il Comitato Valori collinari, dei quali è presidente.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
NapoliToday è in caricamento