Vomero

Vomero, ponte di via Cilea: 926 giorni per risanarlo

In meno tempo nell’ ‘800 fu costruita la funicolare di Chiaia

         “ Un altro record negativo che si va sommare ai tanti altri accumulati dall’attuale amministrazione del capoluogo partenopeo: ben 926 giorni, oltre 30 mesi, per riparare alcuni dissesti statici che si erano presentati sul ponte di via Cilea. Dissesti che avevano comportato un provvedimento limitativo del traffico pesante con la conseguenza di dover modificare i percorsi delle linee su gomma del trasporto pubblico a servizio di una vasta area del quartiere collinare del Vomero, penalizzando fortemente gli utenti “. Questo il commento di Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari che in tutto questo periodo è sovente intervenuto sulla vicenda che finalmente dopo oltre due anni e mezzo sblocca il passaggio dei mezzi pesanti sul ponte.

         “ Era infatti il 19 aprile del 2011 quando entrò in vigore il dispositivo che prevedeva il divieto di transito sul ponte per veicoli che superassero il limite massimo di massa a pieno carico di 3,5 t – ricorda Capodanno -. Venne così modificato il percorso abituale che, attraverso via Cimarosa, passava anche per piazza Vanvitelli, delle linee di trasporto su gomma 181, 130, C31 e V1. Finalmente i lavori di risanamento, dopo le numerose proteste e petizioni, iniziarono solo nel gennaio di quest’anno ed dovevano concludersi prima dell’estate scorsa. Invece il disservizio si è protratto sino ad oggi per altri lunghi mesi e per ragioni che non sono state mai del tutto chiarite “.

         “ Per comprendere la portata di questo ritardo, basti pensare che i lavori per la costruzione della più antica funicolare del Vomero, la funicolare di Chiaia, con le tecnologie dell’epoca, che di certo non sono confrontabili con quelle attuali, durarono di meno, dal momento che la realizzazione di tale impianto, iniziata nel maggio 1887, vide la conclusione con l’inaugurazione avvenuta il 20 ottobre 1889, in appena 29 mesi, uno in meno di quelli che sono occorsi per i lavori di risanamento del ponte. Lavori, peraltro, che per alcune opere, come quelle alla scala di collegamento tra via Cilea e via Doria, devono ancora essere completati “.

Funicolare di Chiaja '800-2

Vomero

Il quartiere collinare visto da Gennaro Capodanno, ingegnere e a lungo consigliere della circoscrizione. Negli ultimi anni ha costituito diversi comitati per sostenere le battaglie comuni insieme ai cittadini della zona. Tra questi il Comitato per il trasporto pubblico e il Comitato Valori collinari, dei quali è presidente.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Fabio
    Fabio

    L'attuale amministrazione. E la precedente, visto che il decreto è antecedente e quindi l'usura e lo stato pericolante del ponte è da far risalire ad anni prima ? Almeno De Magistris ci ha fatto sapere passo passo l'evoluzione della situazione. Sono tempi biblici, sono d'accordo, ma sono in linea con le carenze economiche del Comune. Almeno c'è stata trasparenza

Torna su
NapoliToday è in caricamento