Vomero

Vomero: Materassi abbandonati in piazza degli Artisti

Appello alla collaborazione dei napoletani

 

 

 

            Senza la collaborazione dei cittadini i problemi connessi ai rifiuti solidi a Napoli non potranno mai essere risolti. Per questo è auspicabile che le istituzioni preposte intensifichino una campagna d’informazione lanciando l’appello a tutti affinché Napoli torni definitivamente pulita.

 

            Una campagna di sensibilizzazione che coinvolga tutti i quartieri del capoluogo partenopeo. Anche quelli cosiddetti bene, dove però si verificano episodi che lasciano sconcertati.

 

            Come l’abbandono in strada di rifiuti ingombranti senza attivare l’apposito servizio messo gratuitamente a disposizione dall’azienda incaricata per il prelievo a domicilio. L’ultima testimonianza di questo inaccettabile stato di cose è costituita da due materassi che da alcuni giorni fanno brutta mostra di sé, abbandonati su di un marciapiede della centralissima piazza degli Artisti al Vomero, dove transitano migliaia di persone al giorno, e che, peraltro, vede la presenza costante delle forze dell’ordine.

 

            Eppure nessuno ancora ha provveduto a rimuovere i due materassi in questione, che, peraltro, costituiscono anche un ostacolo alla raccolta differenziata, dal momento che sono stati posti  proprio dinanzi a due campane.

 

E’ auspicabile che si provveda la più presto alla rimozione, mettendo inoltre in campo tutte le iniziative, anche attraverso gli opportuni e necessari controlli, affinché episodi del genere non abbiano più a ripetersi.

 

Gennaro Capodanno

 

 

Vomero

Il quartiere collinare visto da Gennaro Capodanno, ingegnere e a lungo consigliere della circoscrizione. Negli ultimi anni ha costituito diversi comitati per sostenere le battaglie comuni insieme ai cittadini della zona. Tra questi il Comitato per il trasporto pubblico e il Comitato Valori collinari, dei quali è presidente.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
NapoliToday è in caricamento