Vomero

Vomero: grave aggressione della “baby gang degli schiaffi”

La denuncia di Gennaro Capodanno

“ Un episodio che, come raccontano le cronache dell’epoca, si era già verificato nel corso dell’ultima notte bianca, svoltasi nel mese di novembre dell’anno scorso al Vomero e che  è ripetuto stamani, poco dopo le 13:30 in via Luca Giordano nei pressi dell’incrocio di via Scarlatti. Un gruppo, formato da alcuni teppisti, presumibilmente minorenni, che, pare non sia nuovo a questo genere di aggressioni, si è avvicinato a un ragazzo che passeggiava, forse a quell’ora tornando a casa dopo essere uscito da scuola, e lo ha schiaffeggiato, colpendolo all’improvviso, senza alcuna apparente ragione, con una violenza tale da procurargli la fuoruscita del sangue dal naso “. A denunciare il grave episodio è Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori che, dopo aver avuto la segnalazione da alcuni passanti, ha anche allertato una volante della polizia che si trovava nei pressi, la quale si è messa prontamente alla ricerca degli aggressori.

            “ Ricordo – afferma Capodanno - che un altro analogo episodio, riportato sempre dalle cronache, si verificò a Napoli intorno alla metà del mese di dicembre dell’anno scorso, e vide quale vittima designata una donna che, passeggiando nei pressi di Port’Alba, si ritrovò all’improvviso a terra, colpita da un pugno sferratole di sorpresa. A seguito delle lesioni riportate, la malcapitata fu costretta a ricorrere alle cure dei sanitari “.

            “ La differenza, di non poco conto – precisa Capodanno –, è che quell’episodio, come l’altro avvenuto nel corso della notte bianca, si verificò intorno alla mezzanotte mentre quello di stamani si è verificato in pieno giorno, in una strada sempre affollata di gente come via Luca Giordano. La qual cosa fa anche comprendere a quale arroganza sono arrivati oramai queste bande di teppisti che, evidentemente, pensano di farla franca e di poter impunemente aggredire i passanti, specialmente ragazzi indifesi “.

            “ Vi è anche da dire - continua Capodanno - che, purtroppo, nell’orario dalle 13:30 fino alle 16:00, vale a dire nel periodo nel quale la maggior parte degli esercizi commerciali abbassa le saracinesche per la pausa pranzo, il Vomero appare scarsamente presidiato e, dunque, sembra più facile ai teppisti e ai delinquenti agire indisturbati “.

            “ E’ auspicabile – conclude Capodanno  che, anche alla luce di quest’ultimo grave episodio, che pare sia determinato da una  pessima moda, inventata negli Stati Uniti, denominata “Knockout Game”, la quale malauguratamente si sta diffondendo, da un poco di tempo a questa parte, anche nelle principali città italiane, Napoli compresa, vengano intensificate le azioni di controllo, anche avvalendosi dei sistemi di videosorveglianza, rafforzando la presenza delle forze dell’ordine in tutte le ore della giornata “.

Vomero

Il quartiere collinare visto da Gennaro Capodanno, ingegnere e a lungo consigliere della circoscrizione. Negli ultimi anni ha costituito diversi comitati per sostenere le battaglie comuni insieme ai cittadini della zona. Tra questi il Comitato per il trasporto pubblico e il Comitato Valori collinari, dei quali è presidente.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
NapoliToday è in caricamento