Vomero

Vomero: continua l'odissea della funicolari. Stamani stop alla funicolare di Montesanto

A maggio dovrebbe fermarsi per dieci mesi la funicolare di Chiaia per i lavori di revisione ventennale

“ Anche per le funicolari vale il vecchio adagio che non c’è due senza tre – commenta Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari e  del Trasporto pubblico -. Così dopo i diversi fermi della funicolare Centrale, verificatisi dalla fine del luglio dell'anno scorso, dopo la ripresa delle corse, a seguito della realizzazione dei lavori di revisione ventennale, durati quasi un anno, stamani si è fermata anche la funicolare di Montesanto per un guasto registrato durante le corse di prova. Ma l'odissea degli impianti a fune vomeresi non finisce qui, perché già nell'estate dell'anno scorso doveva fermarsi l'impianto di Chiaia, ma, a seguito di verifiche e prove funzionali, fu richiesta e concessa dall'Ustif, l'Ufficio speciale trasporti a impianti fissi, una proroga per i lavori di revisione ventennale ".

            " Ma puntualizza Capodanno -, a meno che non venga richiesta e concessa un'ulteriore proroga, cosa che appare di difficile realizzazione, visto che anche quest'impianto si è fermato in diverse occasioni, a maggio di quest'anno l'impianto a fune di via Cimarosa, il più antico tra le quattro funicolari presenti a Napoli, dal momento che  fu inaugurato nel lontano 15 ottobre 1889, dovrebbe chiudere, e per ben dieci mesi, confidando però che, a differenza di quanto accaduto per i lavori di revisione della funicolare Centrale, dove i dieci mesi iniziali sono poi diventati di fatto quasi dodici, tale tempistica venga rispettata "

            " Resta poi la questione più volte sollevata e a tutt'oggi non ancora risolta del prolungamento delle orari di funzionamento - ricorda Capodanno -. Al riguardo, affinché venisse ripristinato, per i mezzi di trasporto pubblico su ferro, l'orario vigente prima dell'estate dell'anno scorso, con il prolungamento degli orari per le funicolari di Chiaia e Centrale, oltre che del metrò collinare, fino alle 24:00, e, nei giorni di venerdì e sabato, fino alle due di notte, fu anche promossa una petizione on line che al momento ha superato le 1.800 firme, senza però che vi siano state risposte operative, visto che le due funicolari continuano ad effettuare l'ultima corsa alle 22:00 ( https://www.change.org/p/vogliamo-metro-e-funicolari-in-funzione-fino-alle-due-di-notte ).

            “ Inoltre - sottolinea Capodanno -  i guasti che, negli ultimi tempi, stanno costringendo a fermare con eccessiva frequenza questi impianti, oltre a causare irritazione e rabbia, potrebbero generare nella numerosa utenza, valutata complessivamente, per le tre funicolari presenti al Vomero, in circa 55mila persone nei giorni feriali, considerazione che possano farli ritenere non del tutto affidabili, benché si tratti d'impianti, come quello della  funicolare Centrale, rammodernati con l'investimento di notevoli risorse finanziarie pubbliche. Laddove, ancora oggi, si ricorda che, quando la gestione degli stessi era affidata alle società private che li avevano costruiti, gli impianti a fune non si fermavano mai e la manutenzione, costante e continua, veniva effettuata nel corso delle ore notturne ".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vomero

Il quartiere collinare visto da Gennaro Capodanno, ingegnere e a lungo consigliere della circoscrizione. Negli ultimi anni ha costituito diversi comitati per sostenere le battaglie comuni insieme ai cittadini della zona. Tra questi il Comitato per il trasporto pubblico e il Comitato Valori collinari, dei quali è presidente.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Si I trasporti rappresentano il servizio pubblico che necessariamente deve essere affidato ai privati.

Torna su
NapoliToday è in caricamento