Vomero

Tafferugli tra manifestanti e polizia: paura a Via Tino di Camaino

Attimi di tensione quando le forze dell'ordine hanno dovuto fermare un corteo non autorizzato. I manifestanti si sono poi diretti verso i treni della metropolitana concludendo l'iniziativa. Rifugio nei negozi per i passanti spaventati

 

 

 

 

            Tafferugli al Vomero intorno alle 11,30 nella centralissima via Tino di Camaino tra manifestanti che si erano mossi in corteo da piazza Medaglie d’Oro e poliziotti in assesto antisommossa. Da quello che è dato sapere si sarebbe trattato di una manifestazione non autorizzata. All’incrocio tra via Tino di Camaino e via Tarantino il corteo si è fermato per la presenza di un cordone di poliziotti.

 

            A quel punto gli animi si sono surriscaldati ed i manifestanti hanno cominciato ad inveire verso le forze di polizia, mentre alcuni prendevano una panchina di plastica che si trovava sul marciapiede, scagliandola contro i poliziotti. A quel punto, mentre arrivavano rinforzi, le forze di polizia hanno disperso i manifestanti che da piazza Medaglie d’Oro si sono diretti verso i treni della metropolitana concludendo  l’iniziativa, mentre i passanti spaventati si sono rifugiati nei negozi .

 

Bisogna dare atto della grande professionalità delle forze di polizia e di chi li ha diretti nell’occasione. Si è evitata un’altra mattinata difficile per il Vomero che già in un recente passato è stato al centro di cortei sfociati in atti vandalici come il ribaltamento dei cassonetti. Invece la manifestazione, sebbene tra lo spavento dei passanti, si è conclusa rapidamente e senza danni.

Vomero

Il quartiere collinare visto da Gennaro Capodanno, ingegnere e a lungo consigliere della circoscrizione. Negli ultimi anni ha costituito diversi comitati per sostenere le battaglie comuni insieme ai cittadini della zona. Tra questi il Comitato per il trasporto pubblico e il Comitato Valori collinari, dei quali è presidente.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
NapoliToday è in caricamento