Vomero

Ponte di via Cilea: da sedici mesi chiuso ai mezzi pesanti

Ripercussioni sul trasporto pubblico

 

 

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, chiede all’amministrazione comunale per quanto tempo ancora i vomeresi dovranno patire a ragione del provvedimento limitativo che dal mese di aprile dell’anno scorso impedisce ai mezzi pesanti di transitare sul ponte di via Cilea.

 

“ Sono passati sedici mesi – precisa Capodanno – dalla relativa ordinanza ma a tutt’oggi a parte alcune opere provvisionali, i lavori per il risanamento statico non sono ancora iniziati “.

 

“ A patire di questo stato di cose – precisa Capodanno – sono principalmente gli utenti del trasporto pubblico su gomma, dal momento che, a seguito della relativa ordinanza, alcune linee, come la 130, la 181, la C31 e la C32 non possono transitare più sul ponte. Di conseguenza, in una vasta area che si sviluppa intorno a piazza Vanvitelli, tra via Cimarosa e via Bernini, a disposizione dei cittadini, restano solo alcune navette della  con la necessità di dover utilizzare almeno due linee su gomma per raggiungere gli altri quartieri “.

 

“ Purtroppo la situazione è destinata a peggiorare con la ripresa delle attività dopo la pausa estiva – continua Capodanno –. Pare, ma a questo punto il condizionale è d’obbligo che i lavori dovrebbero iniziare nella prima decade di settembre “.

Capodanno sollecita ancora una volta l’amministrazione comunale a procedere in  tempi brevi al risanamento del ponte di via Cilea con l’esecuzione delle opere necessarie alla revoca dell’attuale provvedimento limitativo.

 

Ponte_di_via_Cilea-5

Vomero

Il quartiere collinare visto da Gennaro Capodanno, ingegnere e a lungo consigliere della circoscrizione. Negli ultimi anni ha costituito diversi comitati per sostenere le battaglie comuni insieme ai cittadini della zona. Tra questi il Comitato per il trasporto pubblico e il Comitato Valori collinari, dei quali è presidente.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
NapoliToday è in caricamento