Vomero

Napoli, ponte di via Cilea. Al via la protesta

Residenti e commercianti del Vomero chiedono di conoscere per quanto tempo ancora dovranno patire a ragione del provvedimento limitativo che dal 19 aprile dell'anno scorso impedisce ai mezzi pesanti di transitare sul ponte di via Cilea.

 

 

 

 

 Residenti e commercianti del Vomero chiedono di conoscere  per quanto tempo ancora dovranno patire a ragione del provvedimento limitativo che dal 19 aprile dell'anno scorso impedisce ai mezzi pesanti di transitare sul ponte di via Cilea. E' passato oramai più di un anno e mezzo dalla relativa ordinanza e dall'installazione del cantiere con opere provvisionali. Nel frattempo, il tratto di strada sotto al ponte, per incuria ed abbandono, è diventato un vero e proprio ricettacolo di  rifiuti di ogni genere, con la presenza anche di ratti e con un olezzo nauseabondo, paventandosi pericoli per la salute pubblica. Intanto nulla si sa di preciso circa i tempi che occorreranno per ripristinare la piena agibilità del manufatto, con lavori il cui inizio viene continuamente rinviato senza alcuna plausibile spiegazione. A patire del perdurare di questa situazione sono tra gli altri gli utenti del trasporto pubblico su gomma, dal momento che alcune linee, come la 130, la 181, la C31 e la C32 non possono transitare più sul ponte. Di conseguenza, in un'ampia e popolosa area che si sviluppa intorno a piazza Vanvitelli, tra via Cimarosa e via Bernini, gli abitanti devono utilizzare almeno due  linee per raggiungere gli altri quartieri con i mezzi pubblici su gomma.

 

Gennaro Capodanno

gennarocapodanno@gmail.com

 

Ponte_via_Cilea-6

Vomero

Il quartiere collinare visto da Gennaro Capodanno, ingegnere e a lungo consigliere della circoscrizione. Negli ultimi anni ha costituito diversi comitati per sostenere le battaglie comuni insieme ai cittadini della zona. Tra questi il Comitato per il trasporto pubblico e il Comitato Valori collinari, dei quali è presidente.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
NapoliToday è in caricamento